Dassa Zoumé

VILLAGGIO SOS DI DASSA-ZOUME’

Le attività di SOS Kinderdorf International incominciarono in Benin nel 1982, quando stabilì i primi contatti con le autorità locali a causa della grande necessità di strutture per l’assistenza ai bambini orfani o abbandonati. Nel momento in cui divenne evidente il grande bisogno di un Villaggio SOS in Benin, SOS Kinderdorf International e il Ministero degli Affari Sociali firmarono un accordo che stabiliva la costruzione del primo Villaggio SOS, nel gennaio del 1985. Il Villaggio SOS di Abomey–Calavi, che si trova a 17 km. da Cotonou, venne terminato nel 1987 e poco dopo era già pronto per accogliere i primi bambini. Venne inaugurato ufficialmente nel 1989. La povertà e la miseria, nelle quali vivevano i bambini nel nord del paese, spinsero SOS Kinderdorf International a mettere in cantiere la costruzione di un altro Villaggio SOS. I lavori per la realizzazione del Villaggio SOS di Natitingou, una provinciale città del nord che si trova a 450 Km. da Cotonou, incominciarono a metà dicembre del 1997. Nel 1999 i primi 37 bambini vi si trasferirono. L’idea di creare un terzo Villaggio SOS a Dassa–Zoumé si concretizzò nel 2003 e la sua apertura è stata prevista per il 2005.

Il secondo Villaggio SOS del Benin fu costruito a Natitingou, nel nord, quale risposta all’estrema povertà ed alla particolare gravità raggiunta dal problema dell’abbandono minorile in quella zona del paese. In un paese dove il tasso di disoccupazione rimane alto, dove le famiglie vivono in difficoltà ed in precarie condizioni, era stata ravvisata la necessità di creare un’infrastruttura in grado di fornire un aiuto puntuale e sostenibile all’infanzia ed alle famiglie. Sebbene il Benin abbia uno stabile tasso di sviluppo, mancano finanziamenti e risorse materiali per le scuole e per il sostegno dell’infanzia abbandonata e dei bambini provenienti da famiglie impoverite. L’istruzione infantile è a rischio a causa del ridotto numero di scuole disponibili per i numerosissimi ragazzi al di sotto dei 18 anni e a motivo degli alti costi delle scuole stesse.

La città di Dassa-Zoumé sorge nel Benin centrale, nel dipartimento di Collines, circa 200 km. a nord di Cotonou, la capitale del paese. Il dipartimento ha un territorio collinare (come dice il suo nome derivante dal francese “collines”) e la città di Dassa-Zoumé è famosa tra i turisti per i bei panorami che la circondano. Dassa-Zoumè è luogo di pellegrinaggio per tutti i Cattolici provenienti dalla parte occidentale del continente africano (si dice che sia comparsa una visione di Maria in una grotta nella periferia della città). La città di Dassa-Zoumé manca di infrastrutture idonee ad aiutare la sua popolazione; sebbene disponga di un centro sociale e di due centri medici questi non sono in grado di far fronte alle necessità di tutti e non sono dotati di attrezzature moderne. In conclusione non c’è alcuna istituzione in grado di sostenere i bambini abbandonati e lasciati in balia di se stessi.

Il Villaggio SOS di Dassa-Zoumé è stato costruito tra il 2003 ed il 2005, in un appezzamento di terreno messo a disposizione dalle autorità del Benin. Ha undici case famiglia che possono accogliere fino a 120 bambini, un edificio amministrativo, la casa del direttore, due case per il personale ausiliario e lo staff, una sala polifunzionale, un centro comunitario ed una foresteria per i visitatori.

La Scuola Materna SOS è stata costruita all’interno del Villaggio, come la scuola e il centro sociale; tutte queste strutture sono fruibili sia dai bambini del Villaggio SOS sia da quelli provenienti dal territorio circostante. La Scuola Materna può ospitare 50 bambini, ha due aule, locali adiacenti utilizzati per conservare il cibo e per le funzioni amministrative, una cucina e strutture sanitarie. La Scuola SOS Hermann Gmeiner (scuola primaria) è composta da sei aule, un edificio amministrativo, un’aula per scolari con problemi di apprendimento, una mensa e vari laboratori per esercitazioni pratiche. Attualmente può accogliere sino a 210 bambini.

E’ stato finalmente costruito un Centro Sociale SOS al fine di offrire alla popolazione locale ed a quella delle zone limitrofe un supporto familiare ed effettive cure mediche ma anche allo scopo di promuovere misure preventive (quali la consapevolezza circa il virus HIV). E’ costituito da due aule, una sala polifunzionale, un blocco amministrativo, un locale per le visite, uno per le terapie, un laboratorio d’analisi, un dispensario, un locale sterile, ed una reception; tutto per poter somministrare cure mediche. In un anno possono essere assistite circa 12.000 persone.

Villages d'enfants SOS Bénin Lingua consigliata per la corrispondenza:
réf. Dassa-Zoumé Francese
B.P. 82 Inglese
Abomey-Calavi Tedesco
République du Bénin