A un anno dal terremoto il Nepal e’ un paese che continua a tremare

Milano 21 aprile 2016 - E’ passato un anno dai terremoti che colpirono il Nepal il 25 aprile e il 12 maggio 2015, causando la morte di quasi 9.000 persone, ferendone più di 24.000 e danneggiando o distruggendo oltre un milione di case.
SOS Villaggi dei Bambini è presente in Nepal dal 1970 con 10 Villaggi SOS. Accoglie e sostiene più di 10.000 bambini e ragazzi privi di cure o a rischio di perderle e 10.000 famiglie.  Siamo stati quindi in grado di rispondere immediatamente ai bisogni e alle necessità della popolazione colpita dal terremoto assistendo più di 15.000 persone.
Il nostro intervento si è concentrato sulla creazione di Spazi a Misura Bambino, proteggendo e offrendo assistenza ai bambini rimasti soli, sul ricongiungimento di bambini e ragazzi con le famiglie d’origine, sul fornire aiuti umanitari alle famiglie in difficoltà Abbiamo avviato Programmi di “Sostentamento” per i bisogni di base delle famiglie e Programmi di “Cura parentale” per i nuclei più vulnerabili.  Abbiamo consegnato “Home in a box” per distribuire coperte, materassi e oggetti per la casa persi durante il terremoto e avviato programmi per ricostruire le scuole e le case distrutte. L’obiettivo era finalizzato a garantire un impatto a lungo termine su famiglie e bambini.

Ecco una sintesi di alcuni dei risultati ottenuti:
• Spazi a Misura Bambino, in 25 località, che hanno accolto più di 2.000 bambini
• Sostegno a 37 bambini non accompagnati
• Programma “sostentamento” per 225 famiglie (per ripristinare il loro reddito e farli diventare autosufficienti)
• Home in a Box a 541 famiglie
• Programma di “Cura parentale” per 53 bambini, ogni mese
• Donazioni in denaro a 548 famiglie
• Ricostruzione di 12 scuole statali danneggiate e fornitura di materiale scolastico a 9.000 bambini
• 1.421 studenti delle scuole statali hanno ricevuto sostegno per coprire il costo dell’iscrizione
 

“E’ difficile parlare di progressi. La maggior parte delle vittime del terremoto vivono ancora in rifugi temporanei, vicino alle loro case danneggiate. La ricostruzione del Paese è stata lenta. Il governo ha promesso di dare 200.000 rupie (circa 1.663 €) a ogni famiglia che ha perso la casa, ma sono ancora tutti in attesa. Nei giorni scorsi pare che il governo abbia fornito supporto a 700 persone, ma 300.000 vivono ancora in gravi condizioni e 600.000 sono in attesa di sostegno. Il governo nepalese è stato molto lento nel fornire aiuti. Persone anziane e bambini hanno perso la vita durante l'inverno per la mancanza di un riparo adeguato. Questo è inaccettabile. I nostri beneficiari vivono ancora in condizioni difficili ma hanno almeno ritrovato la speranza. Questa è la differenza principale tra le persone sostenute nei nostri programmi e coloro che non ricevono alcun aiuto. Noi abbiamo contribuito a ricostruire fiducia nel futuro” - racconta Elitsa Dincheva di SOS Villaggi dei Bambini Germania – “Lavoriamo su progetti a lungo termine. Sostenere finanziariamente famiglie e ragazzi permette loro di andare avanti. Non solo. Lavorando con le famiglie vulnerabili garantiamo che i bambini possano crescere in un ambiente familiare solido”.
 

Questa comunicazione si inserisce nel quadro delle iniziative coordinate da AGIRE – Agenzia Italiana per la Risposta alle Emergenze all’interno dell’appello di risposta al Terremoto in Nepal. AGIRE è il coordinamento di 10 tra le più importanti organizzazioni non governative che rispondono in maniera congiunta alle gravi emergenze umanitarie. Maggiori informazioni su www.agire.it”.

  • Testimonianze da Aleppo

    Testimonianze da Aleppo: la storia di Salma

    23.12.2016 - "I miei figli hanno visto cose che nessun bambino dovrebbe mai trovarsi di fronte"- Salma racconta la sua vita, insieme ai tre figli, nella città assediata di Aleppo. Approfondisci
  • cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    20.12.2016 - Un lavoro nelle aziende del territorio per 28 giovani in difficoltà: cameo sostiene il “Progetto AutonoMIA” di SOS Villaggi dei Bambini nei Villaggi di Vicenza, Mantova, Morosolo e Saronno (VA). Scopri di più
  • Aleppo: i desideri dei bambini in guerra.

    20.12.2016 - Abbiamo chiesto a cinque bambini di Aleppo, costretti a fuggire a causa della guerra, di raccontarci come si sentono. approfondisci
  • Da un Villaggio SOS alle Olimpiadi

    20.12.2016 - Mavis Chirandu è cresciuta in una Famiglia SOS a Bindura, nello Zimbabwe, è andata in Agosto a Rio de Janeiro per la nazionale femminile di Calcio dello Zimbabwe. Leggi la sua storia
  • Ci sono cose che da soli non si possono affrontare

    20.12.2016 - A dicembre abbiamo lanciato la campagna di raccolta fondi digital “Ci sono cose che da soli non si possono affrontare”, con l’obiettivo di sostenere il nostro lavoro in Italia. approfondisci
  • Fratelli e sorelle insieme

    20.12.2016 - Le parole di Lucia, accolta nel Villaggio SOS di Ostuni e oggi mamma di due bambini. approfondisci
  • Il tuo voto per SOS Villaggi dei Bambini vale un’area gioco per bambini

    20.12.2016 - Vota il progetto “Italy: Building a children play area”: per realizzare un’area gioco per bambini di SOS Villaggi dei Bambini Italia! approfondisci
  • Storie di accoglienza del centro per rifugiati di Principovac

    Storie di accoglienza nel centro per rifugiati di Principovac

    06.12.2016 - Il centro di accoglienza per rifugiati di Principovac si trova in un ex ospedale pediatrico al confine fra Serbia e Croazia, a 100 metri dalla frontiera. Il villaggio serbo più vicino è a 10 km di distanza, a un'ora di cammino. approfondisci
  • Roberta Capella

    Roberta Capella è il nuovo direttore di SOS Villaggi dei Bambini

    29.11.2016 - SOS Villaggi dei Bambini Italia nomina Roberta Capella nuovo Direttore. “Crescita, diversificazione dei programmi e dei servizi senza rinunciare alla nostra unicità: la qualità.” approfondisci
  • Katalin Berend presta servizio volontario come pediatra.

    Essere umani è la cura migliore

    28.11.2016 - Da quando è in pensione, la pediatra 71-enne Katalin Berend presta servizio nel campo rifugiati di Bicske, in Ungheria, a fianco di SOS Villaggi dei Bambini. Ecco la sua testimonianza. approfondisci