Anche SOS Villaggi dei Bambini aderisce all’appello #tuttigiuperterra per i calciatori di serie A e B

Fatelo anche per i bambini e ragazzi che vedono migrare i loro diritti

Milano 4 febbraio 2016 - “E’ un obbligo morale ricordarsi di loro. Il Calcio in questo Paese può essere stimolo di riflessione su questa emergenza. Ecco perché ci uniamo all’appello di Unicef” – afferma Maria Grazia Rodriguez Y Baena, Presidente di SOS Villaggi dei Bambini – “Sono 60milioni i migranti forzati; quasi 20milioni i rifugiati. La metà sono bambini a cui vengono negati i diritti alla sicurezza, alla nutrizione e l’accesso ad altri beni e la soddisfazione di bisogni primari. Nel 2016, più di 54mila persone hanno attraversato il mare per raggiungere le coste europee, più di 1 su 4 sono bambini. 5.000 i minorenni stranieri non accompagnati scomparsi in Italia. I bambini e i ragazzi rifugiati e migranti hanno bisogno e hanno il diritto di ricevere una protezione speciale, come affermato nella Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo (articolo 22). I governi devono ora porre i diritti dei bambini al di sopra di tutti gli altri temi di discussione. I bambini rifugiati e migranti, e in particolare i bambini non accompagnati o separati dalle loro famiglie, devono essere la priorità. La situazione globale è complessa e non è una crisi che si risolverà in tempi brevi. La risposta deve essere articolata, tentando di risolvere le cause alla radice, nei paesi di origine. La maggior parte dei rifugiati fuggono da conflitti: ecco perché chiediamo soluzioni politiche concrete ed efficaci. I governi sono chiamati oggi ad aumentare gli sforzi per trovare soluzioni a lungo termine, nei paesi d'origine. Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, adottati di recente, sono il modello per un mondo in cui nessuno debba più abbandonare la propria casa, per nessun motivo. Tutti i paesi devono tenere aperti i propri confini per consentire ai rifugiati di muoversi in cerca di sicurezza. Durante il loro viaggio, i bambini hanno bisogno ricevere cibo, riparo, cure mediche e gli spazi a misura bambino. Nei paesi in cui rifugiati e migranti trovano una nuova casa, le autorità devono fornire ai bambini un ambiente educativo dove possano imparare e crescere con la propria famiglia o con un'altra famiglia in conformità con le Linee guida per l’accoglienza etero-familiare dei bambini. Per offrire questa possibilità, i governi devono riconoscere che l'attuale crisi impone loro di impegnarsi finanziariamente in via straordinaria. Un’assistenza istituzionale non è più accettabile.
SOS Villaggi dei Bambini aderisce all'appello di Unicef rilanciando la proposta ai campionati della serie A, affinché emulino i calciatori greci, che si sono seduti in campo prima dell'inizio della partita per porre l'attenzione sul dramma dei profughi.
 
  • Le parole di Giovanni Odorizzi

    La testimonianza del Direttore del Villaggio SOS di Trento

    08.02.2017 - Cosa significa per un bambino crescere senza contare sulla propria famiglia? Capiamolo attraverso le parole di Giovanni Odorizzi, direttore del Villaggio di Trento. Scopri di più
  • La storia di Alfrido al Villaggio SOS di Ostuni

    La storia di Alfrido nel Villaggio SOS di Ostuni

    08.02.2017 - Alfrido si è trovato solo in Italia, all'età di 12 anni. Nel Villaggio SOS di Ostuni ha trovato un luogo da chiamare casa. Scopri di più
  • Lucia Miceli al Tg2

    La testimonianza di Lucia Miceli ai microfoni del Tg2

    08.02.2017 - Lucia è arrivata al Villaggio SOS di Ostuni perché aveva perso la mamma e suo padre non poteva occuparsi di lei e dei suoi fratellini. Ecco la sua storia. Scopri di più
  • Nessun Bambino Solo

    Parte la campagna Nessun Bambino Solo

    30.01.2017 - Per sostenere questa importante iniziativa, dal 29 gennaio al 11 febbraio, è possibile donare con un SMS o chiamata da rete fissa al 45522. Scopri di più
  • Testimonianze da Aleppo

    Testimonianze da Aleppo: la storia di Salma

    23.12.2016 - "I miei figli hanno visto cose che nessun bambino dovrebbe mai trovarsi di fronte"- Salma racconta la sua vita, insieme ai tre figli, nella città assediata di Aleppo. Approfondisci
  • cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    20.12.2016 - Un lavoro nelle aziende del territorio per 28 giovani in difficoltà: cameo sostiene il “Progetto AutonoMIA” di SOS Villaggi dei Bambini nei Villaggi di Vicenza, Mantova, Morosolo e Saronno (VA). Scopri di più
  • Aleppo: i desideri dei bambini in guerra.

    20.12.2016 - Abbiamo chiesto a cinque bambini di Aleppo, costretti a fuggire a causa della guerra, di raccontarci come si sentono. approfondisci
  • Da un Villaggio SOS alle Olimpiadi

    20.12.2016 - Mavis Chirandu è cresciuta in una Famiglia SOS a Bindura, nello Zimbabwe, è andata in Agosto a Rio de Janeiro per la nazionale femminile di Calcio dello Zimbabwe. Leggi la sua storia
  • Ci sono cose che da soli non si possono affrontare

    20.12.2016 - A dicembre abbiamo lanciato la campagna di raccolta fondi digital “Ci sono cose che da soli non si possono affrontare”, con l’obiettivo di sostenere il nostro lavoro in Italia. approfondisci
  • Fratelli e sorelle insieme

    20.12.2016 - Le parole di Lucia, accolta nel Villaggio SOS di Ostuni e oggi mamma di due bambini. approfondisci