Ancora 35 giorni per dichiarare la Guinea “ebola free”

L’emergenza ora è quella degli orfani

Milano 24 novembre 2015 - E’ del 17 novembre la notizia della guarigione dell'ultima paziente di Ebola in Guinea (una bambina di tre settimane nata da una madre infetta). Il Paese sarà considerato libero dall’Ebola se non verranno segnalati nuovi casi nei prossimi 35 giorni. SOS Villaggi dei Bambini ha già avviato, nel Paese, un programma di assistenza alle vittime nelle aree di Conakry, Coyah, Forécariah e Nzérékoré e sta dando sostegno a 1.200 bambini orfani. Oltre al supporto psicologico, vengono garantiti cibo, cure e istruzione.

L’obiettivo è ora quello di accogliere i bambini, le cui famiglie sono state vittime dell’Ebola, nei nostri Villaggi SOS. Il nostro Programma di Emergenza, con la fine del contagio, continuerà e si concentrerà sull’assistenza e sul sostegno all’infanzia, nel lungo periodo, come sempre. La nostra politica di prevenzione continuerà ma la vera emergenza, ora, sono i bambini e ragazzi privi di cure.” – racconta il responsabile area programmi SOS in Guinea.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha già annunciato la fine del contagio in Liberia ma SOS Villaggi dei Bambini non ha mai interrotto, nemmeno qui, i Programmi SOS contro il virus:

"Non abbiamo mai ridotto le nostre misure di prevenzione e le altre procedure di sicurezza, anche quando il paese è stato dichiarato libero dall’Ebola. Fino a quando la presenza del virus si farà sentire all'interno nel nostro Paese, in Sierra Leone, in Guinea e in Costa d'Avorio non potremo abbassare la guardia. Ma siamo fiduciosi. I Programmi SOS contro l’ebola sono più avanzati ed efficaci di quelli predisposti nel 2014. Tutte le squadre di intervento sono ancora sul posto: il Ministero della salute, l'OMS e le altre organizzazioni sono ancora impegnate nell’emergenza. Il personale è ben addestrato e più organizzato nel distribuire materiale e offrire aiuto. SOS Villaggi dei Bambini in Liberia è forte ed è pronta ad affrontare qualsiasi evenienza per garantire la sicurezza del personale e dei bambini. Siamo un partner governativo affidabile ed esperto, l’abbiamo dimostrato." – racconta George Kordahi, Direttore Nazionale di SOS Villaggi dei Bambini Liberia.

  • Le parole di Giovanni Odorizzi

    La testimonianza del Direttore del Villaggio SOS di Trento

    08.02.2017 - Cosa significa per un bambino crescere senza contare sulla propria famiglia? Capiamolo attraverso le parole di Giovanni Odorizzi, direttore del Villaggio di Trento. Scopri di più
  • La storia di Alfrido al Villaggio SOS di Ostuni

    La storia di Alfrido nel Villaggio SOS di Ostuni

    08.02.2017 - Alfrido si è trovato solo in Italia, all'età di 12 anni. Nel Villaggio SOS di Ostuni ha trovato un luogo da chiamare casa. Scopri di più
  • Lucia Miceli al Tg2

    La testimonianza di Lucia Miceli ai microfoni del Tg2

    08.02.2017 - Lucia è arrivata al Villaggio SOS di Ostuni perché aveva perso la mamma e suo padre non poteva occuparsi di lei e dei suoi fratellini. Ecco la sua storia. Scopri di più
  • Nessun Bambino Solo

    Parte la campagna Nessun Bambino Solo

    30.01.2017 - Per sostenere questa importante iniziativa, dal 29 gennaio al 11 febbraio, è possibile donare con un SMS o chiamata da rete fissa al 45522. Scopri di più
  • Testimonianze da Aleppo

    Testimonianze da Aleppo: la storia di Salma

    23.12.2016 - "I miei figli hanno visto cose che nessun bambino dovrebbe mai trovarsi di fronte"- Salma racconta la sua vita, insieme ai tre figli, nella città assediata di Aleppo. Approfondisci
  • cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    20.12.2016 - Un lavoro nelle aziende del territorio per 28 giovani in difficoltà: cameo sostiene il “Progetto AutonoMIA” di SOS Villaggi dei Bambini nei Villaggi di Vicenza, Mantova, Morosolo e Saronno (VA). Scopri di più
  • Aleppo: i desideri dei bambini in guerra.

    20.12.2016 - Abbiamo chiesto a cinque bambini di Aleppo, costretti a fuggire a causa della guerra, di raccontarci come si sentono. approfondisci
  • Da un Villaggio SOS alle Olimpiadi

    20.12.2016 - Mavis Chirandu è cresciuta in una Famiglia SOS a Bindura, nello Zimbabwe, è andata in Agosto a Rio de Janeiro per la nazionale femminile di Calcio dello Zimbabwe. Leggi la sua storia
  • Ci sono cose che da soli non si possono affrontare

    20.12.2016 - A dicembre abbiamo lanciato la campagna di raccolta fondi digital “Ci sono cose che da soli non si possono affrontare”, con l’obiettivo di sostenere il nostro lavoro in Italia. approfondisci
  • Fratelli e sorelle insieme

    20.12.2016 - Le parole di Lucia, accolta nel Villaggio SOS di Ostuni e oggi mamma di due bambini. approfondisci