Avviato il programma di prevenzione del virus Zika in America Latina e Caraibi

Nessuno dei nostri bambini e ragazzi sono stati colpiti. Prevenzione e formazione sul virus sono le nostre risposte

Milano 9 febbraio 2016 - L'Organizzazione mondiale della sanità ribadisce come l'emergenza internazionale di salute pubblica debba considerarsi collegata non allo Zika in sé, ma al sospetto legame, ancora da dimostrare, fra la malattia e la microcefalia dei bambini, da un lato, e la sindrome neurologica di Guillain-Barré, dall'altro. Il virus è stato finora rilevato in 33 paesi, principalmente nei Caraibi e in America Latina. Al momento, il Paese più colpito dal virus è il Brasile (il numero di casi di Zika stimati va da 497.593 a 1 milione e 482.701), seguito dalla Colombia (20.297 casi). In Brasile, i funzionari della sanità hanno segnalato più di 4.700 casi di microcefalia dal mese di ottobre. l'OMS ha esortato le comunità colpite ad adottare misure per proteggere le donne in gravidanza e i neonati.

Il virus venne Identificato per la prima volta nel 1947, in Uganda, in alcune scimmie della foresta Zika, da cui prende il nome. Appartiene al genere “Flavivirus” e si trasmette tramite le punture di zanzare infette del genere “Aedes”, in modo particolare “Aedes aegypti”. In passato erano stati rilevati dei casi in alcune parti dell'Africa, dell'Asia e in alcune isole del Pacifico.
Abbiamo chiesto a Danielle Pereira, la nostra collaboratrice SOS dell’America latina e dei Caraibi, un aggiornamento.

“Dopo il Brasile, la Colombia è il paese più colpito, con 20.000 casi di infezione da virus Zika, confermati nel solo mese di gennaio. Per fortuna nessuna donna e nessun bambino, sostenuti dai nostri Programmi SOS in Brasile, sono stati colpiti dall’infezione. Abbiamo prontamente messo in atto un Programma di Prevenzione che riguarda tutta l’America Latina. In Colombia, tutti i Villaggi SOS usano repellenti contro le zanzare e cloro per lavare i serbatoi di stoccaggio dell’acqua potabile. In Ecuador sono 17 i casi confermati di microcefalia. Stiamo intervenendo soprattutto nelle province più colpite: Manabí, Guayas Esmeraldas. Stiamo lavorando con il Ministero della Salute per promuovere corsi di formazione sulla malattia e sulla prevenzione. Il Paraguay ha confermato un caso di infezione da virus Zika in una regione vicino al confine brasiliano. Anche qui, il Villaggio SOS sta attuando tutte le misure preventive. Nel Villaggio SOS di Oberá, a Misiones, una regione argentina vicino al confine con il Brasile, tutte le case sono state sottoposte a disinfestazione e i ragazzi stanno creando e distribuendo opuscoli informativi alla comunità locale”.

  • Roberta Capella

    Roberta Capella è il nuovo direttore di SOS Villaggi dei Bambini

    29.11.2016 - SOS Villaggi dei Bambini Italia nomina Roberta Capella nuovo Direttore. “Crescita, diversificazione dei programmi e dei servizi senza rinunciare alla nostra unicità: la qualità.” approfondisci
  • Katalin Berend presta servizio volontario come pediatra.

    Essere umani è la cura migliore

    28.11.2016 - Da quando è in pensione, la pediatra 71-enne Katalin Berend presta servizio nel campo rifugiati di Bicske, in Ungheria, a fianco di SOS Villaggi dei Bambini. Ecco la sua testimonianza. approfondisci
  • Tornare a essere bambini: la storia di Zena

    25.11.2016 - Da quando Zena è arrivata nel Villaggio SOS di Ksarnaba, in Libano, è tornata a vivere come una bambina, con degli adulti che si prendono cura di lei e dei suoi fratelli. approfondisci
  • Giornata Nazionale dei Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza

    Giornata Nazionale dei Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza

    21.11.2016 - Il Gruppo CRC chiede alle istituzioni un'assunzione di impegno rispetto alle azioni previste nel IV Piano Nazionale di azione e di interventi per la tutela dei diritti e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva e il Piano biennale nazionale di prevenzione e contrasto all'abuso e allo sfruttamento sessuale dei minori. approfondisci
  • Il piccolo Bona ha un sogno da realizzare

    18.11.2016 - Bona è un ospite del Villaggio SOS di Kampong Thom, in Cambogia. Qua ha potuto studiare e coltivare il suo sogno di diventare un giocatore di calcio. approfondisci
  • Villaggio SOS dei Bambini di Dakar - Senegal

    La gioia di una nuova casa nel Villaggio SOS dei Bambini di Dakar

    14.11.2016 - Nel Villaggio SOS dei Bambini di Dakar, in Senegal, una delle case famiglia è stata ristrutturata per renderla più accogliente e adatta ai suoi ospiti, tra cui il piccolo Ndiaye. approfondisci
  • SOS Villaggi dei Bambini - Sierra Leone

    Sierra Leone: la storia di Olivia nel Villaggio SOS dei Bambini di Freetown

    08.11.2016 - Con una popolazione di circa 6 milioni di persone, la Sierra Leone è uno dei Paesi più poveri al mondo. La storia di Olivia ci ricorda quanto sia prezioso l'intervento di SOS Villaggi dei Bambini in aiuto e in difesa dei diritti dei minori. approfondisci
  • Testimonianze di accoglienza nel Villaggio SOS di Ostuni

    La mia storia di accoglienza al Villaggio dei Bambini SOS di Ostuni

    28.10.2016 - I bambini che crescono all'interno di un Villaggio SOS rimangono spesso legati per tutta la vita alle persone che sono state loro a fianco durante quegli anni. approfondisci
  • La parola ai ragazzi, la risposta alle istituzioni - Progetto InFo

    28.10.2016 - I diritti dei bambini che vivono in accoglienza etero familiare sono frequentemente ignorati o addirittura violati. Con il progetto europeo “InFo – INsieme FOrmando”, finanziato dalla Commissione Europea, SOS Villaggi dei Bambini ha riportato l’attenzione sui diritti dei bambini nel contesto dell’accoglienza attraverso il coinvolgimento in 5 città italiane non solo delle istituzioni e degli operatori professionali, ma anche dei giovani e ragazzi che vivono l’esperienza di essere accolti in comunità. approfondisci
  • Termina l'occupazione militare del Villaggio SOS di Damasco

    26.10.2016 - In Siria termina l'occupazione militare del Villaggio SOS di Damasco: i bambini e i ragazzi possono tornare a casa. approfondisci