Avviato il programma di prevenzione del virus Zika in America Latina e Caraibi

Nessuno dei nostri bambini e ragazzi sono stati colpiti. Prevenzione e formazione sul virus sono le nostre risposte

Milano 9 febbraio 2016 - L'Organizzazione mondiale della sanità ribadisce come l'emergenza internazionale di salute pubblica debba considerarsi collegata non allo Zika in sé, ma al sospetto legame, ancora da dimostrare, fra la malattia e la microcefalia dei bambini, da un lato, e la sindrome neurologica di Guillain-Barré, dall'altro. Il virus è stato finora rilevato in 33 paesi, principalmente nei Caraibi e in America Latina. Al momento, il Paese più colpito dal virus è il Brasile (il numero di casi di Zika stimati va da 497.593 a 1 milione e 482.701), seguito dalla Colombia (20.297 casi). In Brasile, i funzionari della sanità hanno segnalato più di 4.700 casi di microcefalia dal mese di ottobre. l'OMS ha esortato le comunità colpite ad adottare misure per proteggere le donne in gravidanza e i neonati.

Il virus venne Identificato per la prima volta nel 1947, in Uganda, in alcune scimmie della foresta Zika, da cui prende il nome. Appartiene al genere “Flavivirus” e si trasmette tramite le punture di zanzare infette del genere “Aedes”, in modo particolare “Aedes aegypti”. In passato erano stati rilevati dei casi in alcune parti dell'Africa, dell'Asia e in alcune isole del Pacifico.
Abbiamo chiesto a Danielle Pereira, la nostra collaboratrice SOS dell’America latina e dei Caraibi, un aggiornamento.

“Dopo il Brasile, la Colombia è il paese più colpito, con 20.000 casi di infezione da virus Zika, confermati nel solo mese di gennaio. Per fortuna nessuna donna e nessun bambino, sostenuti dai nostri Programmi SOS in Brasile, sono stati colpiti dall’infezione. Abbiamo prontamente messo in atto un Programma di Prevenzione che riguarda tutta l’America Latina. In Colombia, tutti i Villaggi SOS usano repellenti contro le zanzare e cloro per lavare i serbatoi di stoccaggio dell’acqua potabile. In Ecuador sono 17 i casi confermati di microcefalia. Stiamo intervenendo soprattutto nelle province più colpite: Manabí, Guayas Esmeraldas. Stiamo lavorando con il Ministero della Salute per promuovere corsi di formazione sulla malattia e sulla prevenzione. Il Paraguay ha confermato un caso di infezione da virus Zika in una regione vicino al confine brasiliano. Anche qui, il Villaggio SOS sta attuando tutte le misure preventive. Nel Villaggio SOS di Oberá, a Misiones, una regione argentina vicino al confine con il Brasile, tutte le case sono state sottoposte a disinfestazione e i ragazzi stanno creando e distribuendo opuscoli informativi alla comunità locale”.

  • Testimonianze da Aleppo

    Testimonianze da Aleppo: la storia di Salma

    23.12.2016 - "I miei figli hanno visto cose che nessun bambino dovrebbe mai trovarsi di fronte"- Salma racconta la sua vita, insieme ai tre figli, nella città assediata di Aleppo. Approfondisci
  • cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    20.12.2016 - Un lavoro nelle aziende del territorio per 28 giovani in difficoltà: cameo sostiene il “Progetto AutonoMIA” di SOS Villaggi dei Bambini nei Villaggi di Vicenza, Mantova, Morosolo e Saronno (VA). Scopri di più
  • Aleppo: i desideri dei bambini in guerra.

    20.12.2016 - Abbiamo chiesto a cinque bambini di Aleppo, costretti a fuggire a causa della guerra, di raccontarci come si sentono. approfondisci
  • Da un Villaggio SOS alle Olimpiadi

    20.12.2016 - Mavis Chirandu è cresciuta in una Famiglia SOS a Bindura, nello Zimbabwe, è andata in Agosto a Rio de Janeiro per la nazionale femminile di Calcio dello Zimbabwe. Leggi la sua storia
  • Ci sono cose che da soli non si possono affrontare

    20.12.2016 - A dicembre abbiamo lanciato la campagna di raccolta fondi digital “Ci sono cose che da soli non si possono affrontare”, con l’obiettivo di sostenere il nostro lavoro in Italia. approfondisci
  • Fratelli e sorelle insieme

    20.12.2016 - Le parole di Lucia, accolta nel Villaggio SOS di Ostuni e oggi mamma di due bambini. approfondisci
  • Il tuo voto per SOS Villaggi dei Bambini vale un’area gioco per bambini

    20.12.2016 - Vota il progetto “Italy: Building a children play area”: per realizzare un’area gioco per bambini di SOS Villaggi dei Bambini Italia! approfondisci
  • Storie di accoglienza del centro per rifugiati di Principovac

    Storie di accoglienza nel centro per rifugiati di Principovac

    06.12.2016 - Il centro di accoglienza per rifugiati di Principovac si trova in un ex ospedale pediatrico al confine fra Serbia e Croazia, a 100 metri dalla frontiera. Il villaggio serbo più vicino è a 10 km di distanza, a un'ora di cammino. approfondisci
  • Roberta Capella

    Roberta Capella è il nuovo direttore di SOS Villaggi dei Bambini

    29.11.2016 - SOS Villaggi dei Bambini Italia nomina Roberta Capella nuovo Direttore. “Crescita, diversificazione dei programmi e dei servizi senza rinunciare alla nostra unicità: la qualità.” approfondisci
  • Katalin Berend presta servizio volontario come pediatra.

    Essere umani è la cura migliore

    28.11.2016 - Da quando è in pensione, la pediatra 71-enne Katalin Berend presta servizio nel campo rifugiati di Bicske, in Ungheria, a fianco di SOS Villaggi dei Bambini. Ecco la sua testimonianza. approfondisci