Bene l’approvazione del Piano Infanzia, ma ora occorre nominare il nuovo Osservatorio per l’Infanzia e l’Adolescenza

Agesci, Anfaa, Arciragazzi, Associazione Agevolando, CIAI, CISMAI, CNCA, CNCM, CNOAS, Comitato italiano per l’UNICEF, Coordinamento Nidi e Prima Infanzia, CGIL, Progetto Famiglia, Save the Children, SOS Villaggi dei Bambini e Unione Nazionale Camere Minorili esprimono soddisfazione per l’avvenuta approvazione, il 10 agosto scorso, del “IV Piano Nazionale di azione e di interventi per la tutela dei diritti e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva” (indicato comunemente come “Piano Infanzia”) da parte del Consiglio dei ministri. Tuttavia, rilevano che l’iter di approvazione ha comportato tempi troppo lunghi se si tiene conto che il Piano era stato approvato all’unanimità dall’Osservatorio Nazionale per l’Infanzia e l’Adolescenza il 28 luglio 2015. Inoltre, le stesse organizzazioni ricordano che il nostro Paese  era privo di uno specifico Piano Infanzia da quattro anni, poiché il precedente Piano copriva il biennio 2010/2011, e sottolineano ancora una volta la necessità di garantire continuità temporale tra i diversi Piani nazionali quale impegno di responsabilità pubblica.

Le sopra citate organizzazioni si attendono, ora, che la futura Legge di stabilità preveda risorse adeguate per attuare tutti gli obiettivi del Piano in ogni settore. Si sollecita, altresì, la necessità di dare attuazione e diffusione al Piano nazionale di contrasto alla pedofilia e pornografia minorile, importante addendum del IV Piano Infanzia.

Contestualmente – e proprio in funzione dell’avvenuta approvazione del IV Piano – le succitate organizzazioni richiamano l’attenzione del presidente del Consiglio dei ministri affinché vengano nominati rapidamenteauspicabilmente entro il mese di ottobre prossimoi componenti dell’Osservatorio Nazionale per l’Infanzia e l’Adolescenza, il cui mandato precedente è scaduto nel giugno scorso. È, infatti, tale Osservatorio ad avere il compito di monitorare l’applicazione del Piano nazionale, di verificarne la concreta attuazione e di predisporre il successivo Piano biennale. È, dunque, indispensabile che l’Osservatorio divenga effettivamente operativo perché il Piano nazionale non rimanga puro atto formale, ma diventi occasione concreta di politiche attive di sostegno dei diritti per l’infanzia e l’adolescenza, a partire dalla definizione dei livelli essenziali quale garanzia di esigibilità stessa dei diritti civili e sociali, così come previsto dal Piano stesso.

Info:
Mariano Bottaccio – Responsabile Ufficio stampa e Comunicazione
Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA)
tel. 06 44230395/44230403 – cell. 329 2928070 - email: ufficio.stampa@cnca.it
www.cnca.it
  • Le parole di Giovanni Odorizzi

    La testimonianza del Direttore del Villaggio SOS di Trento

    08.02.2017 - Cosa significa per un bambino crescere senza contare sulla propria famiglia? Capiamolo attraverso le parole di Giovanni Odorizzi, direttore del Villaggio di Trento. Scopri di più
  • La storia di Alfrido al Villaggio SOS di Ostuni

    La storia di Alfrido nel Villaggio SOS di Ostuni

    08.02.2017 - Alfrido si è trovato solo in Italia, all'età di 12 anni. Nel Villaggio SOS di Ostuni ha trovato un luogo da chiamare casa. Scopri di più
  • Lucia Miceli al Tg2

    La testimonianza di Lucia Miceli ai microfoni del Tg2

    08.02.2017 - Lucia è arrivata al Villaggio SOS di Ostuni perché aveva perso la mamma e suo padre non poteva occuparsi di lei e dei suoi fratellini. Ecco la sua storia. Scopri di più
  • Nessun Bambino Solo

    Parte la campagna Nessun Bambino Solo

    30.01.2017 - Per sostenere questa importante iniziativa, dal 29 gennaio al 11 febbraio, è possibile donare con un SMS o chiamata da rete fissa al 45522. Scopri di più
  • Testimonianze da Aleppo

    Testimonianze da Aleppo: la storia di Salma

    23.12.2016 - "I miei figli hanno visto cose che nessun bambino dovrebbe mai trovarsi di fronte"- Salma racconta la sua vita, insieme ai tre figli, nella città assediata di Aleppo. Approfondisci
  • cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    20.12.2016 - Un lavoro nelle aziende del territorio per 28 giovani in difficoltà: cameo sostiene il “Progetto AutonoMIA” di SOS Villaggi dei Bambini nei Villaggi di Vicenza, Mantova, Morosolo e Saronno (VA). Scopri di più
  • Aleppo: i desideri dei bambini in guerra.

    20.12.2016 - Abbiamo chiesto a cinque bambini di Aleppo, costretti a fuggire a causa della guerra, di raccontarci come si sentono. approfondisci
  • Da un Villaggio SOS alle Olimpiadi

    20.12.2016 - Mavis Chirandu è cresciuta in una Famiglia SOS a Bindura, nello Zimbabwe, è andata in Agosto a Rio de Janeiro per la nazionale femminile di Calcio dello Zimbabwe. Leggi la sua storia
  • Ci sono cose che da soli non si possono affrontare

    20.12.2016 - A dicembre abbiamo lanciato la campagna di raccolta fondi digital “Ci sono cose che da soli non si possono affrontare”, con l’obiettivo di sostenere il nostro lavoro in Italia. approfondisci
  • Fratelli e sorelle insieme

    20.12.2016 - Le parole di Lucia, accolta nel Villaggio SOS di Ostuni e oggi mamma di due bambini. approfondisci