Bomboniere - Storia e Solidarietà

L’infografica della storia della bomboniera, tra tradizioni e solidarietà

La bomboniera è simbolo di fortuna e prosperità. Piccoli oggetti per rendere indelebile il ricordo di un momento speciale, le bomboniere rispecchiano tempi e costumi della società. Da sempre, essa è legata al dono di dolciumi come frutta secca e, più recentemente, i confetti.

La bomboniera moderna, intesa come dono di nozze o battesimo, nasce in Francia nel 1700. La parola bomboniera, infatti, deriva dal francese “bonbonnière”: piccolo contenitore di dolcetti, i bon bon. È noto come anche Napoleone usasse regalare preziose bomboniere ai sudditi prediletti. Nei secoli seguenti, la bomboniera si trasforma seguendo le mode del momento: bizzarre e colorate agli inizi del ‘900, in elegante vetro soffiato di Murano negli anni ’40, fino al boom dell’oggettistica nel dopoguerra italiano.

Oggi, la bomboniera non è più solo un semplice oggetto ma un gesto di solidarietà nei confronti del mondo. I momenti di gioia personale sono un’occasione per essere generosi e sostenere un progetto solidale.

Scopri tutti i regali solidali di SOS Villaggi dei Bambini e sostieni i nostri progetti!



Scopri tutti i regali solidali di SOS Villaggi dei Bambini e sostieni i nostri progetti!
  • Testimonianze da Aleppo

    Testimonianze da Aleppo: la storia di Salma

    23.12.2016 - "I miei figli hanno visto cose che nessun bambino dovrebbe mai trovarsi di fronte"- Salma racconta la sua vita, insieme ai tre figli, nella città assediata di Aleppo. Approfondisci
  • cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    20.12.2016 - Un lavoro nelle aziende del territorio per 28 giovani in difficoltà: cameo sostiene il “Progetto AutonoMIA” di SOS Villaggi dei Bambini nei Villaggi di Vicenza, Mantova, Morosolo e Saronno (VA). Scopri di più
  • Aleppo: i desideri dei bambini in guerra.

    20.12.2016 - Abbiamo chiesto a cinque bambini di Aleppo, costretti a fuggire a causa della guerra, di raccontarci come si sentono. approfondisci
  • Da un Villaggio SOS alle Olimpiadi

    20.12.2016 - Mavis Chirandu è cresciuta in una Famiglia SOS a Bindura, nello Zimbabwe, è andata in Agosto a Rio de Janeiro per la nazionale femminile di Calcio dello Zimbabwe. Leggi la sua storia
  • Ci sono cose che da soli non si possono affrontare

    20.12.2016 - A dicembre abbiamo lanciato la campagna di raccolta fondi digital “Ci sono cose che da soli non si possono affrontare”, con l’obiettivo di sostenere il nostro lavoro in Italia. approfondisci
  • Fratelli e sorelle insieme

    20.12.2016 - Le parole di Lucia, accolta nel Villaggio SOS di Ostuni e oggi mamma di due bambini. approfondisci
  • Il tuo voto per SOS Villaggi dei Bambini vale un’area gioco per bambini

    20.12.2016 - Vota il progetto “Italy: Building a children play area”: per realizzare un’area gioco per bambini di SOS Villaggi dei Bambini Italia! approfondisci
  • Storie di accoglienza del centro per rifugiati di Principovac

    Storie di accoglienza nel centro per rifugiati di Principovac

    06.12.2016 - Il centro di accoglienza per rifugiati di Principovac si trova in un ex ospedale pediatrico al confine fra Serbia e Croazia, a 100 metri dalla frontiera. Il villaggio serbo più vicino è a 10 km di distanza, a un'ora di cammino. approfondisci
  • Roberta Capella

    Roberta Capella è il nuovo direttore di SOS Villaggi dei Bambini

    29.11.2016 - SOS Villaggi dei Bambini Italia nomina Roberta Capella nuovo Direttore. “Crescita, diversificazione dei programmi e dei servizi senza rinunciare alla nostra unicità: la qualità.” approfondisci
  • Katalin Berend presta servizio volontario come pediatra.

    Essere umani è la cura migliore

    28.11.2016 - Da quando è in pensione, la pediatra 71-enne Katalin Berend presta servizio nel campo rifugiati di Bicske, in Ungheria, a fianco di SOS Villaggi dei Bambini. Ecco la sua testimonianza. approfondisci