Finite le scorte di acqua e cibo a Katmhandu, Bhaktapur e Kavre

Stiamo prendendo scorte dai Villaggi SOS nelle zone non toccate dal sisma

La testimonianza di Ranjana dal Campo di Primo Soccorso
Aggiornamenti dall'Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari: 130.033 case sono state distrutte e 85.856 parzialmente danneggiate. Le operazioni di ricerca e salvataggio sono complicate, l'identificazione delle persone scomparse e il ricongiungimento familiare sono ora le sfide chiave.

SOS Villaggi dei Bambini ha incontrato i funzionari del governo nepalese e il team di Mezzaluna Rossa degli Emirati Arabi Uniti, per discutere la possibilità di una collaborazione nella risposta umanitaria.
Oggi abbiamo aperto altri 2 Spazi a Misura Bambino a Sindhupal Chowk e uno a Patan. Abbiamo già fornito 100 pasti. Coloro che non trovano posto negli ospedali di Pokhara potranno essere accolti nel Centro di Sostegno SOS di Gandaki e cercare aiuto medico lì. Le nostre squadre di emergenza stanno cercando disperatamente di ottenere sufficienti scorte di acqua, cibo e altri materiali di soccorso per la Valle di Kathmandu. Le scorte di Kathmandu, Bhaktapur e Kavre sono finite da  ieri pomeriggio. Le stiamo prendendo dai Villaggi SOS di Bharatpur (Chitwan District) e di Lumbin (Rupandehi District)” – racconta Shankar Shree Pradhananga, direttore di SOS Villaggi dei Bambini in Nepal.
Il Governo del Nepal non ha molti fondi. Dipende, in questa emergenza, dall’aiuto di organizzazioni come SOS Villaggi dei Bambini. “Loro hanno bisogno di noi ma noi di loro.  Per identificare e registrare i bambini soli e non accompagnati è necessario lavorare con il Governo”-  continua Shankar.

"Non sappiamo cosa fare. Abbiamo perso ogni speranza. Vivevamo in una casa, vicino alla Piazza Durbar di Bhaktapur.  Io ero al piano di sopra, mentre Srishti stava guardando la televisione con la nonna, al piano di sotto. Inizialmente sembrava di essere sull’altalena. Tutto dondolava. Poi è stato fortissimo. Sono corsa a prendere mia figlia e sono uscita in strada. Pensavo che sarebbe crollato il mondo. I giardini e le strade erano piene di gente. I bambini piangevano. Un inferno. In questo Campo di Soccorso ci sono più di 400 persone, senza casa. Hanno perso tutto. Il cibo sta scarseggiando.

Mancano piatti e bicchieri. SOS Villaggi dei Bambini sta fornendo latte e biscotti ai bambini nello Spazio a Misura Bambino che hanno allestito qui. Per fortuna Srishti sta bene e la stanno aiutando a non avere paura. Li fanno disegnare e giocare. E’ impossibile tornare a casa nostra. E’ completamente distrutta. Non sappiamo cosa fare. Mio marito è un falegname, ma il suo negozio è stato danneggiato e non può tornare al lavoro. Abbiamo bisogno di aiuto
" – racconta Ranjana, 28 anni, mamma della piccola Srishti, dal Campo di Bhaktapur.

Questa comunicazione si inserisce nel quadro delle iniziative coordinate da AGIRE – Agenzia Italiana per la Risposta alle Emergenze all’interno dell’appello di risposta al Terremoto in Nepal. AGIRE è il coordinamento di 10  tra le più importanti organizzazioni non governative che rispondono in maniera congiunta alle gravi emergenze umanitarie. Maggiori informazioni su www.agire.it”.
  • Testimonianze da Aleppo

    Testimonianze da Aleppo: la storia di Salma

    23.12.2016 - "I miei figli hanno visto cose che nessun bambino dovrebbe mai trovarsi di fronte"- Salma racconta la sua vita, insieme ai tre figli, nella città assediata di Aleppo. Approfondisci
  • cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    20.12.2016 - Un lavoro nelle aziende del territorio per 28 giovani in difficoltà: cameo sostiene il “Progetto AutonoMIA” di SOS Villaggi dei Bambini nei Villaggi di Vicenza, Mantova, Morosolo e Saronno (VA). Scopri di più
  • Aleppo: i desideri dei bambini in guerra.

    20.12.2016 - Abbiamo chiesto a cinque bambini di Aleppo, costretti a fuggire a causa della guerra, di raccontarci come si sentono. approfondisci
  • Da un Villaggio SOS alle Olimpiadi

    20.12.2016 - Mavis Chirandu è cresciuta in una Famiglia SOS a Bindura, nello Zimbabwe, è andata in Agosto a Rio de Janeiro per la nazionale femminile di Calcio dello Zimbabwe. Leggi la sua storia
  • Ci sono cose che da soli non si possono affrontare

    20.12.2016 - A dicembre abbiamo lanciato la campagna di raccolta fondi digital “Ci sono cose che da soli non si possono affrontare”, con l’obiettivo di sostenere il nostro lavoro in Italia. approfondisci
  • Fratelli e sorelle insieme

    20.12.2016 - Le parole di Lucia, accolta nel Villaggio SOS di Ostuni e oggi mamma di due bambini. approfondisci
  • Il tuo voto per SOS Villaggi dei Bambini vale un’area gioco per bambini

    20.12.2016 - Vota il progetto “Italy: Building a children play area”: per realizzare un’area gioco per bambini di SOS Villaggi dei Bambini Italia! approfondisci
  • Storie di accoglienza del centro per rifugiati di Principovac

    Storie di accoglienza nel centro per rifugiati di Principovac

    06.12.2016 - Il centro di accoglienza per rifugiati di Principovac si trova in un ex ospedale pediatrico al confine fra Serbia e Croazia, a 100 metri dalla frontiera. Il villaggio serbo più vicino è a 10 km di distanza, a un'ora di cammino. approfondisci
  • Roberta Capella

    Roberta Capella è il nuovo direttore di SOS Villaggi dei Bambini

    29.11.2016 - SOS Villaggi dei Bambini Italia nomina Roberta Capella nuovo Direttore. “Crescita, diversificazione dei programmi e dei servizi senza rinunciare alla nostra unicità: la qualità.” approfondisci
  • Katalin Berend presta servizio volontario come pediatra.

    Essere umani è la cura migliore

    28.11.2016 - Da quando è in pensione, la pediatra 71-enne Katalin Berend presta servizio nel campo rifugiati di Bicske, in Ungheria, a fianco di SOS Villaggi dei Bambini. Ecco la sua testimonianza. approfondisci