L'interesse dei media sta scomparendo ma il Nepal ha bisogno di aiuto!

Noi non lasceremo nessuno solo.

Milano 6 maggio 2015L'interesse dei media sta scomparendo ma per i bambini e le famiglie colpite dal terremoto la situazione è gravissima. C’è bisogno di aiuto. Il CEO di SOS Villaggi dei Bambini, Richard Pichler lancia un appello. “La stagione dei monsoni sta arrivando e temiamo che malattie come il morbillo o il colera possano scatenare epidemie. 8 milioni di nepalesi sono stati colpiti dal terremoto.

Due milioni necessitano urgentemente di riparo, acqua, cibo e medicine. 1,7 milioni di bambini, per sopravvivere, devono essere sostenuti ora. Noi siamo in Nepal da più di 40 anni. Eravamo lì per i bambini del Nepal quando avevano bisogno di noi, ancora prima di questa tragedia. Continueremo a stare lì e lo faremo per tutto il tempo che sarà necessario. Il terremoto ha sventrato vite e inflitto nuove difficoltà a famiglie già vulnerabili. Attraverso il nostro Programma di risposta alle emergenze forniremo ai bambini un ambiente sicuro e amorevole in cui potranno essere semplicemente bambini. Aiuteremo le loro famiglie a rifarsi una vita. Non lasceremo nessuno solo!"


SOS Villaggi dei Bambini in Nepal si sta occupando dei primi 8 bambini non accompagnati. Sette hanno perso entrambi i genitori e sono stati accolti nei Villaggi SOS di Kavre e Kathmandu. Una bimba è stata ferita ed è sola: la mamma sta lavorando all'estero. Il Team SOS sta cercando di capire se la mamma potrà prendersi cura di lei. SOS Villaggi dei Bambini ha aperto anche il quattordicesimo Spazi a Misura Bambino dove stanno lavorando 80 giovani volontari e più di 20 Mamme SOS.  Qui l’elenco:
  • 3 a Bhaktapur
  • 1 a Sankhu
  • 1 a Nakauot
  • 1 a Dhulikhel (Kavre)
  • 1 a Sindhupalchowk
  • 1 a Banepa
  • 1 a Dolkha
  • 2 a Lalitpur
  • 2 a Pokhara
  • 1 a Riyale
"I genitori e i parenti sono davvero molto felice che i loro figli siano al sicuro mentre loro possono occuparsi di riscostruire la loro vita. Ci stiamo occupando di 1.100 bambini, 381 adulti e anziani, 49 mamme. Diamo medicine, cibo e protezione attraverso gli Spazi a Misura Bambino e i Campi di Primo Soccorso. I beneficiari del nostro Programma di Emergenza sono stati più di 2.000” – dice Shankar Pradhananga, il direttore nazionale.