Messaggio della Presidente di SOS Villaggi dei Bambini Italia

Dobbiamo farci portavoce e promotori dei valori dell’integrazione

Milano, 16 novembre 2015 - SOS Villaggi dei Bambini Italia è unita nel condannare l’orrore che ha sconvolto Parigi e piange le sue vittime.

Ogni giorno siamo spettatori di tragedie che paralizzano e distruggono le vite di innocenti. Dall’Africa al Medio Oriente, assistiamo a massacri, ad attacchi insensati ed efferati, a guerre e conflitti che hanno come vittime donne, uomini e bambini. Riceviamo immagini, storie, testimonianze terribili da parte dei nostri collaboratori e ogni giorno piangiamo le vittime. Lo facciamo senza MAI abbandonare la forza e il coraggio di andare avanti e di sostenere le famiglie e i bambini nel loro voler ricominciare a vivere. Lo facciamo in Siria, in Sud Sudan, nel Burundi, in Ucraina, in Mali e lo facciamo qui, in Europa. Noi non abbiamo paura e mai come oggi dobbiamo stringerci e pensare fermamente alla nostra mission: dare accoglienza e sostegno ai bambini privi di cure e alle famiglie in difficoltà. E non importa quale sia il colore della loro pelle, il Dio a cui rivolgono le loro preghiere, il Paese che li ha visti nascere. Può importare agli altri ma non a noi. Per noi l’infanzia è il cuore del mondo e i nostri bambini sono il nostro. Tanti sono i minorenni stranieri non accompagnati che stiamo ora accogliendo. Mai come in questo momento hanno bisogno di noi e di sapere che non sono e non saranno mai soli. E’ un’occasione importante per costruire la pace, partendo proprio dai nostri Villaggi SOS. Dobbiamo farci portatori dei valori dell’integrazione, dell’uguaglianza, dell’accoglienza. Dobbiamo essere d’esempio per tutti coloro che oggi cercano la divisione e non l’unione. Il clima di paura e di rabbia non può e non deve intaccare i nostri cuori, quelli dei nostri collaboratori, volontari e dei bambini e ragazzi che stiamo crescendo. Grazie per quello che fate”


Maria Grazia Rodriguez Y Baena