Messaggio della Presidente di SOS Villaggi dei Bambini Italia

Dobbiamo farci portavoce e promotori dei valori dell’integrazione

Milano, 16 novembre 2015 - SOS Villaggi dei Bambini Italia è unita nel condannare l’orrore che ha sconvolto Parigi e piange le sue vittime.

Ogni giorno siamo spettatori di tragedie che paralizzano e distruggono le vite di innocenti. Dall’Africa al Medio Oriente, assistiamo a massacri, ad attacchi insensati ed efferati, a guerre e conflitti che hanno come vittime donne, uomini e bambini. Riceviamo immagini, storie, testimonianze terribili da parte dei nostri collaboratori e ogni giorno piangiamo le vittime. Lo facciamo senza MAI abbandonare la forza e il coraggio di andare avanti e di sostenere le famiglie e i bambini nel loro voler ricominciare a vivere. Lo facciamo in Siria, in Sud Sudan, nel Burundi, in Ucraina, in Mali e lo facciamo qui, in Europa. Noi non abbiamo paura e mai come oggi dobbiamo stringerci e pensare fermamente alla nostra mission: dare accoglienza e sostegno ai bambini privi di cure e alle famiglie in difficoltà. E non importa quale sia il colore della loro pelle, il Dio a cui rivolgono le loro preghiere, il Paese che li ha visti nascere. Può importare agli altri ma non a noi. Per noi l’infanzia è il cuore del mondo e i nostri bambini sono il nostro. Tanti sono i minorenni stranieri non accompagnati che stiamo ora accogliendo. Mai come in questo momento hanno bisogno di noi e di sapere che non sono e non saranno mai soli. E’ un’occasione importante per costruire la pace, partendo proprio dai nostri Villaggi SOS. Dobbiamo farci portatori dei valori dell’integrazione, dell’uguaglianza, dell’accoglienza. Dobbiamo essere d’esempio per tutti coloro che oggi cercano la divisione e non l’unione. Il clima di paura e di rabbia non può e non deve intaccare i nostri cuori, quelli dei nostri collaboratori, volontari e dei bambini e ragazzi che stiamo crescendo. Grazie per quello che fate”


Maria Grazia Rodriguez Y Baena
  • Le parole di Giovanni Odorizzi

    La testimonianza del Direttore del Villaggio SOS di Trento

    08.02.2017 - Cosa significa per un bambino crescere senza contare sulla propria famiglia? Capiamolo attraverso le parole di Giovanni Odorizzi, direttore del Villaggio di Trento. Scopri di più
  • La storia di Alfrido al Villaggio SOS di Ostuni

    La storia di Alfrido nel Villaggio SOS di Ostuni

    08.02.2017 - Alfrido si è trovato solo in Italia, all'età di 12 anni. Nel Villaggio SOS di Ostuni ha trovato un luogo da chiamare casa. Scopri di più
  • Lucia Miceli al Tg2

    La testimonianza di Lucia Miceli ai microfoni del Tg2

    08.02.2017 - Lucia è arrivata al Villaggio SOS di Ostuni perché aveva perso la mamma e suo padre non poteva occuparsi di lei e dei suoi fratellini. Ecco la sua storia. Scopri di più
  • Nessun Bambino Solo

    Parte la campagna Nessun Bambino Solo

    30.01.2017 - Per sostenere questa importante iniziativa, dal 29 gennaio al 11 febbraio, è possibile donare con un SMS o chiamata da rete fissa al 45522. Scopri di più
  • Testimonianze da Aleppo

    Testimonianze da Aleppo: la storia di Salma

    23.12.2016 - "I miei figli hanno visto cose che nessun bambino dovrebbe mai trovarsi di fronte"- Salma racconta la sua vita, insieme ai tre figli, nella città assediata di Aleppo. Approfondisci
  • cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    20.12.2016 - Un lavoro nelle aziende del territorio per 28 giovani in difficoltà: cameo sostiene il “Progetto AutonoMIA” di SOS Villaggi dei Bambini nei Villaggi di Vicenza, Mantova, Morosolo e Saronno (VA). Scopri di più
  • Aleppo: i desideri dei bambini in guerra.

    20.12.2016 - Abbiamo chiesto a cinque bambini di Aleppo, costretti a fuggire a causa della guerra, di raccontarci come si sentono. approfondisci
  • Da un Villaggio SOS alle Olimpiadi

    20.12.2016 - Mavis Chirandu è cresciuta in una Famiglia SOS a Bindura, nello Zimbabwe, è andata in Agosto a Rio de Janeiro per la nazionale femminile di Calcio dello Zimbabwe. Leggi la sua storia
  • Ci sono cose che da soli non si possono affrontare

    20.12.2016 - A dicembre abbiamo lanciato la campagna di raccolta fondi digital “Ci sono cose che da soli non si possono affrontare”, con l’obiettivo di sostenere il nostro lavoro in Italia. approfondisci
  • Fratelli e sorelle insieme

    20.12.2016 - Le parole di Lucia, accolta nel Villaggio SOS di Ostuni e oggi mamma di due bambini. approfondisci