Nella Repubblica Centrafricana i ribelli musulmani danno vita allo stato di Logone

Assaltato il villaggio SOS di Bossangoa

Milano 17 dicembre 2015 - I ribelli musulmani danno vita a una repubblica indipendente: Logone. Era lo scenario che tutti gli analisti e le principali autorità politiche e religiose scongiuravano: la separazione della Repubblica Centrafricana in due realtà territoriali, una a maggioranza islamica e l'altra cristiana e animista. Noureddine, leader dei ribelli, ha dichiarato lo stato autonomo, nella sua roccaforte a nord est del paese, dopo aver respinto le elezioni presidenziali, volte a porre fine ad anni di conflitto. Le Nazioni Unite condannano le violenze e l’azione separatista di Noureddine.
Spari, scontri e violenza hanno colpito per la prima volta SOS Villaggi dei Bambini. Queste le dichiarazioni di Fernand Kaine, coordinatore del programma di emergenza del Villaggio SOS di Bossangoa:

"Domenica 13 Dicembre, alle nove di sera, 100 individui armati di fucili e machete hanno preso d'assalto la sede del nostro Villaggio SOS. Nessuno è stato ferito, ma gli uffici sono stati danneggiati e completamente saccheggiati. Due nostre guardie di sicurezza sono state minacciate con le pistole. Un contingente delle Nazioni Unite è intervenuto mettendo in fuga gli aggressori. I bambini e i ragazzi stanno bene.”.

In questi giorni Kaine sta lavorando con le autorità locali per elaborare un piano di sicurezza per i bambini e i collaboratori e per coordinare le attività di SOS Villaggi dei Bambini nella Repubblica Centrafricana.


“Stiamo lavorando a Bangui, Bouar e a Bossangoa, con UNICEF e Save the Children per sostenere il nostro Paese che sta vivendo, dal 2013, una delle più grandi crisi umanitarie del continente. Abbiamo un programma di emergenza da portare avanti che ha come beneficiari 15.000 persone (bambini, ragazzi, donne e famiglie vulnerabili). I bisogni umanitari a cui dobbiamo rispondere sono la protezione dei bambini e delle famiglie vulnerabili, la riunificazione dei bambini soli e non accompagnati con le famiglie d’origine, il garantire l’accesso all'assistenza sanitaria di base alle comunità delle aree remote, la nutrizione dei bambini, delle donne in gravidanza e delle persone infette da HIV / AIDS, l’accesso a un'istruzione di qualità e attività pedagogiche per i bambini sotto i 17 anni, la distribuzione pacchi alimentari alle famiglie in difficoltà e la ricostruzione delle case distrutte. Noi non ci fermeremo” – conclude Kaine.

  • Storie di accoglienza del centro per rifugiati di Principovac

    Storie di accoglienza nel centro per rifugiati di Principovac

    06.12.2016 - Il centro di accoglienza per rifugiati di Principovac si trova in un ex ospedale pediatrico al confine fra Serbia e Croazia, a 100 metri dalla frontiera. Il villaggio serbo più vicino è a 10 km di distanza, a un'ora di cammino. approfondisci
  • Roberta Capella

    Roberta Capella è il nuovo direttore di SOS Villaggi dei Bambini

    29.11.2016 - SOS Villaggi dei Bambini Italia nomina Roberta Capella nuovo Direttore. “Crescita, diversificazione dei programmi e dei servizi senza rinunciare alla nostra unicità: la qualità.” approfondisci
  • Katalin Berend presta servizio volontario come pediatra.

    Essere umani è la cura migliore

    28.11.2016 - Da quando è in pensione, la pediatra 71-enne Katalin Berend presta servizio nel campo rifugiati di Bicske, in Ungheria, a fianco di SOS Villaggi dei Bambini. Ecco la sua testimonianza. approfondisci
  • Tornare a essere bambini: la storia di Zena

    25.11.2016 - Da quando Zena è arrivata nel Villaggio SOS di Ksarnaba, in Libano, è tornata a vivere come una bambina, con degli adulti che si prendono cura di lei e dei suoi fratelli. approfondisci
  • Giornata Nazionale dei Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza

    Giornata Nazionale dei Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza

    21.11.2016 - Il Gruppo CRC chiede alle istituzioni un'assunzione di impegno rispetto alle azioni previste nel IV Piano Nazionale di azione e di interventi per la tutela dei diritti e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva e il Piano biennale nazionale di prevenzione e contrasto all'abuso e allo sfruttamento sessuale dei minori. approfondisci
  • Il piccolo Bona ha un sogno da realizzare

    18.11.2016 - Bona è un ospite del Villaggio SOS di Kampong Thom, in Cambogia. Qua ha potuto studiare e coltivare il suo sogno di diventare un giocatore di calcio. approfondisci
  • Villaggio SOS dei Bambini di Dakar - Senegal

    La gioia di una nuova casa nel Villaggio SOS dei Bambini di Dakar

    14.11.2016 - Nel Villaggio SOS dei Bambini di Dakar, in Senegal, una delle case famiglia è stata ristrutturata per renderla più accogliente e adatta ai suoi ospiti, tra cui il piccolo Ndiaye. approfondisci
  • SOS Villaggi dei Bambini - Sierra Leone

    Sierra Leone: la storia di Olivia nel Villaggio SOS dei Bambini di Freetown

    08.11.2016 - Con una popolazione di circa 6 milioni di persone, la Sierra Leone è uno dei Paesi più poveri al mondo. La storia di Olivia ci ricorda quanto sia prezioso l'intervento di SOS Villaggi dei Bambini in aiuto e in difesa dei diritti dei minori. approfondisci
  • Testimonianze di accoglienza nel Villaggio SOS di Ostuni

    La mia storia di accoglienza al Villaggio dei Bambini SOS di Ostuni

    28.10.2016 - I bambini che crescono all'interno di un Villaggio SOS rimangono spesso legati per tutta la vita alle persone che sono state loro a fianco durante quegli anni. approfondisci
  • La parola ai ragazzi, la risposta alle istituzioni - Progetto InFo

    28.10.2016 - I diritti dei bambini che vivono in accoglienza etero familiare sono frequentemente ignorati o addirittura violati. Con il progetto europeo “InFo – INsieme FOrmando”, finanziato dalla Commissione Europea, SOS Villaggi dei Bambini ha riportato l’attenzione sui diritti dei bambini nel contesto dell’accoglienza attraverso il coinvolgimento in 5 città italiane non solo delle istituzioni e degli operatori professionali, ma anche dei giovani e ragazzi che vivono l’esperienza di essere accolti in comunità. approfondisci