Coprifuoco a Lugansk

CHIUSI UFFICI E CENTRI SOCIALI DI SOS VILLAGGI DEI BAMBINI
“Che nessuno esca di casa!!”
 
Lugansk, 23 maggio 2014 – Dopo l’esplosione di violenza che giovedì ha coinvolto la parte orientale dell'Ucraina, a Lugansk ora c’è il coprifuoco. Tutte le scuole e gli asili sono stati chiusi. I Centri sociali SOS e gli uffici di SOS Villaggi dei Bambini sono stati sospesi fino al 27 maggio. Tutte le Famiglie SOS sono state invitate a rimanere in casa. 
 
Lyudmila, Direttrice del Programma SOS a Lugansk ci aveva spiegato, prima di questi ultimi drammatici eventi, il motivo per cui il lavoro di SOS Villaggi dei Bambini è particolarmente importante in questo momento: "Abbiamo aumentato considerevolmente l'aiuto e il sostegno alle famiglie che non hanno più lavoro, per consentire loro di continuare sostenere i propri figli. Dobbiamo dare un senso di stabilità alle famiglie. Vogliamo che sappiano che siamo lì per loro. Quando abbiamo iniziato a distribuire cibo, molti genitori piangevano perché non potevano crederci."

 
Il team di SOS Villaggi dei Bambini sta offrendo aiuto psicologico alle famiglie e supporto ai bambini. "Molti genitori hanno già perso il lavoro e molti continuano a perderlo. Stiamo sostenendo 148 famiglie. 72 sono i genitori disoccupati. Questo significa che la metà delle nostre famiglie ha bisogno del nostro sostegno ancor di più. Stiamo collaborando con  l'ufficio di collocamento. Al momento è difficile trovare un lavoro, ma speriamo che la situazione possa cambiare. Stiamo pensando di avviare corsi di formazione per insegnare un nuovo mestiere a chi non potrà più fare il lavoro di prima. Noi continuiamo a fare il nostro lavoro regolarmente. Abbiamo appena portato via da un orfanotrofio tre bambini che ora vivono in una Famiglia SOS” – conclude Lyudmila.
  
Villaggi dei Bambini ha iniziato a lavorare in Ucraina nel 2003, sostenendo le famiglie più vulnerabili del quartiere Podol, di Kiev, dapprima attraverso la distribuzione di pacchi alimentari, poi attraverso un sostegno più articolato (supporto psicologico, rafforzamento familiare, inserimento lavorativo).
Nel 2008 è stato aperto un Centro Sociale SOS a Brovary e uno a Kiev. Nel 2010 è nato il primo Villaggio SOS a Brovary (Kiev) che accoglie 78 bambini offrendo loro una casa amorevole e il supporto necessario per crescere e diventare autonomi.  Dal mese di ottobre dello scorso anno, il Villaggio SOS di Lugansk offre assistenza a 288 bambini e ragazzi e a 147 famiglie della comunità locale.