Emergenza Medio Oriente

Gaza, Iraq e Siria: il Medio Oriente è in fiamme. 12 milioni di persone sono in fuga costrette a scappare dalle loro case. Hanno bisogno di tutto e di te!
 

L’estate che stiamo per lasciarci alle spalle sarà forse ricordata come una delle più sanguinose e cruente, in particolar modo per i conflitti e le crisi umanitarie che stanno attraversando il Medio Oriente.
 


 

A Gaza l’escalation di violenza nel conflitto tra Israele e Hamas ha causato una crisi umanitaria gravissima. Circa 1,8 milioni di persone non hanno adeguato accesso a cibo, acqua e cure mediche. Oltre 500 mila hanno lasciato le proprie case e hanno disperatamente bisogno di aiuto. La tregua raggiunta nelle ultime ore, se mantenuta, permetterà agli operatori umanitari di ampliare i programmi di assistenza già in corso, che sotto le bombe procedevano a organico e mezzi ridotti per problemi di accesso e sicurezza.
 

In Iraq le milizie estremiste dell’ISIS hanno messo a ferro e fuoco le province settentrionali del paese. Attualmente il numero di sfollati è salito fino a 1,45 milioni. Almeno 400 mila persone hanno trovato un rifugio precario in scuole, parchi ed edifici abbandonati oppure sono ancora rifugiate sulle montagne. L’assistenza nei loro confronti è urgente.
 

In Siria laguerra civile che si trascina da più di 3 anni, con drammatiche conseguenze nei paesi confinanti, ha continuato a mietere vittime e gli ultimi dati parlano di 191 mila morti. Secondo le Nazioni Unite, le persone che dipendono dagli aiuti umanitari sono 10,8 milioni, ovvero il 50% dell’intera popolazione prima dell’inizio della guerra.

Sono conflitti diversi, con ragioni diverse – dice Marco Bertotto, direttore di AGIRE – “ma hanno in comune l’altissimo coinvolgimento delle popolazioni civili, a sfregio delle più basilari norme del diritto internazionale umanitario".
 

Nella regione più di 14 milioni di persone hanno bisogno di aiuti umanitari per sopravvivere con dignità. Almeno 12 milioni sono state costrette ad abbandonare le proprie case e fuggire in cerca di salvezza: l’equivalente dell’intera popolazione di Londra o di Parigi. Fornire loro un supporto adeguato è complesso: esperienza, professionalità e coinvolgimento dei partner locali sono condizioni essenziali per garantire la distribuzione degli aiuti in modo sicuro ed efficace.
 

AGIRE e CROCE ROSSA ITALIANA lanciano pertanto un appello nazionale di emergenza sulle crisi umanitarie in Medio Oriente. Per raccogliere i fondi necessari ad aiutare le vittime, per raccontare le conseguenze umanitarie dei conflitti e la sofferenza di donne e bambini innocenti, per sostenere il coraggio e gli sforzi di tutti gli operatori impegnati nella distribuzione degli aiuti.
 

I fondi raccolti serviranno a sostenere i programmi di emergenza della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa e  delle ONG di AGIRE che stanno già garantendo ripari sicuri, acqua, cibo, medicine, kit igienici e supporto psicologico nelle aree più martoriate.
 

E’ possibile fare una donazione attraverso i seguenti canali:

  • Numero Verde 800.132.870 (dal lunedì al venerdì dalle h.09.00 alle h.18.00)
  • On-line: con carta di credito, Paypal o PagoInConto (per clienti del gruppo Intesa Sanpaolo) sul sito www.agire.it
  • Banca: conbonifico bancario su conto correnteIT64 R 03359 01600 100000013915 intestato ad AGIRE onlus, presso BancaProssima, Causale: “Emergenza Medio Oriente”
  • Posta: con bollettino postalesul conto corrente postale n. 4146579 o bonifico postale al seguente IBAN: IT 64 M 07601 03200 000004146579, intestato ad AGIRE onlus, Via Aniene 26/A - 00198 Roma, Causale: “Emergenza Medio Oriente”

La tua donazione è un gesto semplice ma fondamentale per salvare la vita di famiglie e bambini. Fai la tua parte, DONA ORA!

_______________________

“ Questa comunicazione si inserisce nel quadro dell’appello che AGIRE  – Agenzia Italiana per la Risposta alle Emergenze e la Croce Rossa Italiana hanno lanciato in risposta alle crisi umanitarie in Medio Oriente.  AGIRE è il coordinamento di 10 tra le più importanti organizzazioni non governative che rispondono in maniera congiunta alle gravi emergenze umanitarie. Maggiori informazioni su www.agire.it”.