Filippine "100 giorni dopo il Tifone"

Bislig, 10 febbraio 2014 – Sono ancora una volta i numeri a raccontarci la terribile storia di devastazione delle Filippine.

Secondo l'OCHA, l’Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari umanitari, più di 14milioni di persone sono state colpite dal Tifone, 6.190 sono state le vittime, 2000 i dispersi e 4 milioni gli sfollati.  

Un Paese in ginocchio che ha visto colpite 9 regioni, 44 province e 600 comuni. Mezzo milione di case sono state distrutte dalla furia dell’acqua e più di un milione gravemente danneggiate.

SOS Villaggi dei Bambini sta supportando più di 2000 bambini, le vittime più vulnerabili di ogni emergenza, attraverso gli Spazi a Misura Bambino, e sta dando sostegno a 300 famiglie. Prossimo obiettivo è la costruzione di abitazioni permanenti.

"Sono passati 100 giorni dal momento in cui la furia della natura si è scagliata su questo popolo che però non ha mai perduto speranza e coraggio. E’ stata una tragedia incredibile e indimenticabile - dice Shubha Muthri coordinatrice SOS Villaggi dei Bambini nelle Filippine - Ancora una volta i nostri amici e donatori hanno dimostrato di esserci accanto e ci hanno permesso di raggiungere il maggior numero di famiglie e bambini. Dobbiamo aiutare ora 300 famiglie a ritrovare sicurezza e pace. Hanno bisogno di una casa”.

SOS Villaggi dei Bambini è presente nelle Filippine dal 1967 e gestisce 8 Villaggi SOS – rispettivamente a di Calbayog, Tacloban, Cebu, Davao, Iloilo, Bataan, Lipa e Manila – in cui accoglie un totale di 850 bambini e 221 ragazzi. Attraverso 11 Programmi di rafforzamento familiare aiuta oltre 6.000 persone, di cui più di 4.000 sono bambini e ragazzi fino ai 17 anni di età.