Un mondo senza violenza sui bambini

A New York SOS Villaggi dei Bambini, Save The Children, Unicef, Plan, World Vision e Child Fund

"La protezione dei bambini dalla violenza è e deve essere una priorità globale".

Il Gruppo di Lavoro sullo Sviluppo Sostenibile composto da SOS Villaggi dei Bambini, Save The Children, Unicef, Plan, World Vision e Child Fund si è incontrato a New York il 5 febbraio 2014 per la Sessione Finale (guarda il Video http://webtv.un.org/watch/a-world-without-violence-against-children/3157501125001/ ), con l’obiettivo di sensibilizzare sui temi della violenza contro i bambini. La premessa era: "qualsiasi nuova Agenda[1] per lo sviluppo sostenibile deve necessariamente tutelare i diritti e il benessere di tutti i bambini, compresi quelli più vulnerabili ed emarginati, senza discriminazioni di alcun tipo o per qualsiasi motivo".

I Governi del Canada e del Paraguay hanno ospitato questo evento come un'opportunità importante per incentrare il dibattito degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio sulla prevenzione e sulla risposta alla violenza contro i bambini.

Jim Emerson, segretario generale della ChildFund Alliance, ha evidenziato la presenza pervasiva della violenza contro i bambini - "Questa è una chiamata da parte dei bambini di tutto il mondo. Sono i bambini a chiederci la fine delle punizioni fisiche e umilianti, delle violenze sessuali e degli abusi, del lavoro minorile e del matrimonio infantile, del traffico e di tutte le altre atrocità."

L'Ambasciatore canadese alle Nazioni Unite Rishchynski ha sottolineato l'impegno del suo governo sul tema della violenza contro i bambini - "Tutti i paesi dovrebbero prendere in seria considerazione l'integrazione degli obiettivi di tutela dei minori nel quadro dello Sviluppo post- 2015".  A sua volta, l'ambasciatore del Paraguay Dos Santos ha sottolineato l'impegno del Governo nella ricerca di un mondo senza violenza contro bambini "Non è un problema solo dei paesi in via di sviluppo. Riguarda tutto il mondo."

Megan e Migena sono le due giovani ragazze che hanno partecipato all’incontro via Skype.

Dopo aver ricordato l'importanza del coinvolgimento dei bambini e dei ragazzi nello sviluppo dell’Agenda post-2015, hanno sottolineato la "necessità di adottare misure per la protezione dei bambini dalla violenza, tra cui un’attività di  sensibilizzazione su questo problema e un controllo periodico, da parte degli organi statali, nelle zone in cui si verifica la violenza". Migena anche chiesto che i Governi investano economicamente di più nei bambini e nei giovani - "I bambini governeranno il mondo. Sono loro il futuro. Il problema più grande ora è la violenza nelle sue diverse forme, tra cui il bullismo, la discriminazione, la violenza domestica sulle donne, lo sfruttamento e la povertà. Non si può restare fermi". 

Susan Bissell, capo della sezione Protezione dell'infanzia presso la sede UNICEF, ha evidenziato che la violenza contro i bambini è prevenibile e che ci sono soluzioni al problema. Ha richiamato l'attenzione sull'importanza della raccolta dei dati, sulla creazione di linee guida e monitoraggio.

Mr. Werner Obermeyer, rappresentante a New York e alle Nazioni Unite dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ha osservato che "la violenza contro i bambini ha una serie di implicazioni economiche che trascendono i costi diretti nel rispondere ad essa. L'evidenza mostra che è molto più conveniente prevenire". 

La protezione dei bambini dalla violenza è e deve essere una priorità globale.