Siria: Bombardato e occupato il Villaggio SOS di Damasco

Tutti i bambini e i ragazzi sono salvi: erano stati evacuati qualche ora prima “Li abbiamo portati in una zona sicura. I diritti universali dei bambini devono essere rispettati in guerra. Chiediamo la pace!”
Milano, 29 settembre 2016 - Dopo l’intensificazione dei bombardamenti a Damasco, SOS Villaggi dei Bambini in Siria ha evacuato 156 bambini e 46 ragazzi dal Villaggio di Damasco.
Il Villagio SOS è stato poi bombardato e occupato dalle forze militari.

"SOS Villaggi dei Bambini esprime la sua preoccupazione per l'occupazione del nostro Villaggio SOS Damasco da parte dei militari, dopo i bombardamenti.  I nostri Villaggi SOS sono riconosciuti in tutto il Mondo come rifugi sicuri per i bambini, in cui trovano un ambiente familiare, amorevole e protetto. Come organizzazione non governativa, SOS Villaggi dei Bambini rispetta i principi di neutralità e di imparzialità ma difende i diritti inalienabili dei bambini nel crescere in un ambiente sicuro e protetto. Abbiamo lavorato qui più di 30 anni per fornire assistenza e protezione ai bambini vulnerabili in Siria e continueremo a farlo. SOS Villaggi dei Bambini invita tutte le parti del conflitto siriano a rispettare i diritti dei bambini” -  ha appena dichiarato Carsten Völz, capo Ufficio Operazioni di SOS Villaggi dei Bambini Internazionale.

Questa la testimonianza di un’educatrice del Villaggio di Damasco.

"Ci sono stati combattimenti nella zona intorno al nostro Villaggio SOS. E’ stato spaventoso e abbiamo fatto tutto il possibile per riuscire a distrarre i bambini dal fragore delle bombe. Li abbiamo fatti giocare e cantare, li abbiamo fatti disegnare. Poi la decisione di scappare. Ai bambini abbiamo detto che saremmo andati in una nuova casa. Sapere che il Villaggio dove eravamo è stato bombardato dopo poco tempo ci ha fatto capire che avevamo preso la decisione giusta. Il nostro obiettivo è la sicurezza dei nostri bambini. Erano in pericolo. Non potevamo fare altrimenti. Cosa mi auguro? La pace”. 
 

Sostieni le attività di SOS Villaggi dei Bambini. Dona ora>


  • Le parole di Giovanni Odorizzi

    La testimonianza del Direttore del Villaggio SOS di Trento

    08.02.2017 - Cosa significa per un bambino crescere senza contare sulla propria famiglia? Capiamolo attraverso le parole di Giovanni Odorizzi, direttore del Villaggio di Trento. Scopri di più
  • La storia di Alfrido al Villaggio SOS di Ostuni

    La storia di Alfrido nel Villaggio SOS di Ostuni

    08.02.2017 - Alfrido si è trovato solo in Italia, all'età di 12 anni. Nel Villaggio SOS di Ostuni ha trovato un luogo da chiamare casa. Scopri di più
  • Lucia Miceli al Tg2

    La testimonianza di Lucia Miceli ai microfoni del Tg2

    08.02.2017 - Lucia è arrivata al Villaggio SOS di Ostuni perché aveva perso la mamma e suo padre non poteva occuparsi di lei e dei suoi fratellini. Ecco la sua storia. Scopri di più
  • Nessun Bambino Solo

    Parte la campagna Nessun Bambino Solo

    30.01.2017 - Per sostenere questa importante iniziativa, dal 29 gennaio al 11 febbraio, è possibile donare con un SMS o chiamata da rete fissa al 45522. Scopri di più
  • Testimonianze da Aleppo

    Testimonianze da Aleppo: la storia di Salma

    23.12.2016 - "I miei figli hanno visto cose che nessun bambino dovrebbe mai trovarsi di fronte"- Salma racconta la sua vita, insieme ai tre figli, nella città assediata di Aleppo. Approfondisci
  • cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    20.12.2016 - Un lavoro nelle aziende del territorio per 28 giovani in difficoltà: cameo sostiene il “Progetto AutonoMIA” di SOS Villaggi dei Bambini nei Villaggi di Vicenza, Mantova, Morosolo e Saronno (VA). Scopri di più
  • Aleppo: i desideri dei bambini in guerra.

    20.12.2016 - Abbiamo chiesto a cinque bambini di Aleppo, costretti a fuggire a causa della guerra, di raccontarci come si sentono. approfondisci
  • Da un Villaggio SOS alle Olimpiadi

    20.12.2016 - Mavis Chirandu è cresciuta in una Famiglia SOS a Bindura, nello Zimbabwe, è andata in Agosto a Rio de Janeiro per la nazionale femminile di Calcio dello Zimbabwe. Leggi la sua storia
  • Ci sono cose che da soli non si possono affrontare

    20.12.2016 - A dicembre abbiamo lanciato la campagna di raccolta fondi digital “Ci sono cose che da soli non si possono affrontare”, con l’obiettivo di sostenere il nostro lavoro in Italia. approfondisci
  • Fratelli e sorelle insieme

    20.12.2016 - Le parole di Lucia, accolta nel Villaggio SOS di Ostuni e oggi mamma di due bambini. approfondisci