SOS Villaggi dei Bambini in Palestina accanto ai Bambini e alle famiglie vulnerabili

Vivono sotto la minaccia quotidiana di violenza e morte. Hanno paura di andare a scuola. Noi li aiutiamo a elaborare il trauma

Milano 2 marzo 2016 - La violenza, gli arresti e le restrizioni alla libera circolazione a Hebron e nelle altre aree palestinesi occupate, continuano ad avere un terribile impatto sull’infanzia.
Alcuni bambini, beneficiari dei Programmi SOS, sono tra le vittime della efferata violenza che si sta consumando in quelle zone. Una bimba di 11 anni è stata colpita ad una gamba da un lacrimogeno mentre usciva di casa. La ferita è guarita ma ora lei ha paura di andare a scuola.

“Tutti i bambini e ragazzi di Hebron, Betlemme, Beit Ummar, Dura e Saer, aree che hanno visto un aumento della violenza e scontri tra palestinesi e israeliani, sono drammaticamente traumatizzati. Gli effetti dei checkpoint, degli arresti domiciliari, dell’utilizzo di proiettili di gomma e lacrimogeni sui bambini, sono l’aumento di angoscia, paura, crisi di panico, insonnia e incubi, sentimento di morte e distruzione della sfera simbolica affettiva nel vedere la morte o l’umiliazione dei propri genitori impotenti. Il movimento dentro e fuori dalla città di Hebron e nei villaggi circostanti è limitato. Le strade sono bloccate, le scuole chiuse” -  racconta un nostro collaboratore.


L'ONU ha segnalato nel dicembre 2015 che 4.200 bambini di Hebron sono stati costretti a passare attraverso i checkpoint per andare a scuola. Secondo gli insegnanti, i bambini non sono in grado di concentrarsi e mostrano gravi segni di disagio psico-sociale.


“I bambini che stiamo proteggendo a sostenendo hanno visto i loro padri e fratelli arrestati dall'esercito israeliano. Alcuni hanno anche assistito all’uccisione di parenti o amici. SOS Villaggi dei Bambini sta rafforzando la sua attività proprio nelle zone occupate per dare sostegno psicologico alle vittime di traumi. Ci stiamo occupando delle famiglie vulnerabili per aiutarle a superare il dramma  del vivere continuamente sotto la minaccia di violenza e morte. Ci stiamo occupando di circa 400 bambini e di 81 famiglie”.
Nel mese di febbraio un alto funzionario delle Nazioni Unite ha condannato la detenzione da parte di Israele di oltre 525 palestinesi, molti dei quali minorenni. Da oltre una decina di anni i maltrattamenti dei bambini palestinesi nel sistema detentivo militare israeliano sono ampiamente diffusi e sistematici. Anche UNICEF ha pubblicato un rapporto in tal senso. “Anche il sistema militare detentivo di Israele che colpisce i bambini è una anomalia” – ha concluso il nostro collaboratore.

  • Testimonianze da Aleppo

    Testimonianze da Aleppo: la storia di Salma

    23.12.2016 - "I miei figli hanno visto cose che nessun bambino dovrebbe mai trovarsi di fronte"- Salma racconta la sua vita, insieme ai tre figli, nella città assediata di Aleppo. Approfondisci
  • cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    20.12.2016 - Un lavoro nelle aziende del territorio per 28 giovani in difficoltà: cameo sostiene il “Progetto AutonoMIA” di SOS Villaggi dei Bambini nei Villaggi di Vicenza, Mantova, Morosolo e Saronno (VA). Scopri di più
  • Aleppo: i desideri dei bambini in guerra.

    20.12.2016 - Abbiamo chiesto a cinque bambini di Aleppo, costretti a fuggire a causa della guerra, di raccontarci come si sentono. approfondisci
  • Da un Villaggio SOS alle Olimpiadi

    20.12.2016 - Mavis Chirandu è cresciuta in una Famiglia SOS a Bindura, nello Zimbabwe, è andata in Agosto a Rio de Janeiro per la nazionale femminile di Calcio dello Zimbabwe. Leggi la sua storia
  • Ci sono cose che da soli non si possono affrontare

    20.12.2016 - A dicembre abbiamo lanciato la campagna di raccolta fondi digital “Ci sono cose che da soli non si possono affrontare”, con l’obiettivo di sostenere il nostro lavoro in Italia. approfondisci
  • Fratelli e sorelle insieme

    20.12.2016 - Le parole di Lucia, accolta nel Villaggio SOS di Ostuni e oggi mamma di due bambini. approfondisci
  • Il tuo voto per SOS Villaggi dei Bambini vale un’area gioco per bambini

    20.12.2016 - Vota il progetto “Italy: Building a children play area”: per realizzare un’area gioco per bambini di SOS Villaggi dei Bambini Italia! approfondisci
  • Storie di accoglienza del centro per rifugiati di Principovac

    Storie di accoglienza nel centro per rifugiati di Principovac

    06.12.2016 - Il centro di accoglienza per rifugiati di Principovac si trova in un ex ospedale pediatrico al confine fra Serbia e Croazia, a 100 metri dalla frontiera. Il villaggio serbo più vicino è a 10 km di distanza, a un'ora di cammino. approfondisci
  • Roberta Capella

    Roberta Capella è il nuovo direttore di SOS Villaggi dei Bambini

    29.11.2016 - SOS Villaggi dei Bambini Italia nomina Roberta Capella nuovo Direttore. “Crescita, diversificazione dei programmi e dei servizi senza rinunciare alla nostra unicità: la qualità.” approfondisci
  • Katalin Berend presta servizio volontario come pediatra.

    Essere umani è la cura migliore

    28.11.2016 - Da quando è in pensione, la pediatra 71-enne Katalin Berend presta servizio nel campo rifugiati di Bicske, in Ungheria, a fianco di SOS Villaggi dei Bambini. Ecco la sua testimonianza. approfondisci