Terremoto centro italia, non ci fermiamo a guardare

Il 24 agosto alle 3.36 una scossa di magnitudo 6 ha colpito il Centro Italia.

Il terremoto ha distrutto interi paesi tra Lazio, Umbria e Marche. Il bilancio delle vittime è di 290 persone, tra cui molti bambini.

L’ondata sismica non sembra cessare il suo corso e dal 24 agosto si sono susseguite più di 2000 scosse di terremoto.

Seguiamo con attenzione e speranza le operazioni di soccorso che proseguono senza sosta, mentre il numero delle vittime continua ad aumentare.

SOS Villaggi dei Bambini, in collaborazione con Croce Rossa Italiana, ha messo a disposizione delle popolazioni colpite dal terremoto beni di prima necessità per l’infanzia.

Il network di AGIRE (Agenzia Italiana per la Risposta alle Emergenze), di cui SOS Villaggi dei Bambini è membro, devolverà la propria raccolta fondi alle organizzazioni non governative della sua rete che sono già attive sul territorio

Riconoscendo il ruolo imprescindibile ed insostituibile della Protezione Civile, dei Vigili del Fuoco e della Croce Rossa, in questa fase dell’emergenza, AGIRE mette a disposizione il know-how complementare sviluppato dalle ong nelle emergenze internazionali per portare massimo sollievo alle comunità colpite, attraverso il supporto psicologico, la distribuzione di kit scolastici e materiali didattici in vista della riapertura delle scuole, la facilitazione di processi partecipativi per la ricostruzione.
 
Come parte del network di AGIRE ti invitiamo a sostenere il suo intervento. Per maggiori informazioni visita il sito www.agire.it
  • Testimonianze da Aleppo

    Testimonianze da Aleppo: la storia di Salma

    23.12.2016 - "I miei figli hanno visto cose che nessun bambino dovrebbe mai trovarsi di fronte"- Salma racconta la sua vita, insieme ai tre figli, nella città assediata di Aleppo. Approfondisci
  • cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    20.12.2016 - Un lavoro nelle aziende del territorio per 28 giovani in difficoltà: cameo sostiene il “Progetto AutonoMIA” di SOS Villaggi dei Bambini nei Villaggi di Vicenza, Mantova, Morosolo e Saronno (VA). Scopri di più
  • Aleppo: i desideri dei bambini in guerra.

    20.12.2016 - Abbiamo chiesto a cinque bambini di Aleppo, costretti a fuggire a causa della guerra, di raccontarci come si sentono. approfondisci
  • Da un Villaggio SOS alle Olimpiadi

    20.12.2016 - Mavis Chirandu è cresciuta in una Famiglia SOS a Bindura, nello Zimbabwe, è andata in Agosto a Rio de Janeiro per la nazionale femminile di Calcio dello Zimbabwe. Leggi la sua storia
  • Ci sono cose che da soli non si possono affrontare

    20.12.2016 - A dicembre abbiamo lanciato la campagna di raccolta fondi digital “Ci sono cose che da soli non si possono affrontare”, con l’obiettivo di sostenere il nostro lavoro in Italia. approfondisci
  • Fratelli e sorelle insieme

    20.12.2016 - Le parole di Lucia, accolta nel Villaggio SOS di Ostuni e oggi mamma di due bambini. approfondisci
  • Il tuo voto per SOS Villaggi dei Bambini vale un’area gioco per bambini

    20.12.2016 - Vota il progetto “Italy: Building a children play area”: per realizzare un’area gioco per bambini di SOS Villaggi dei Bambini Italia! approfondisci
  • Storie di accoglienza del centro per rifugiati di Principovac

    Storie di accoglienza nel centro per rifugiati di Principovac

    06.12.2016 - Il centro di accoglienza per rifugiati di Principovac si trova in un ex ospedale pediatrico al confine fra Serbia e Croazia, a 100 metri dalla frontiera. Il villaggio serbo più vicino è a 10 km di distanza, a un'ora di cammino. approfondisci
  • Roberta Capella

    Roberta Capella è il nuovo direttore di SOS Villaggi dei Bambini

    29.11.2016 - SOS Villaggi dei Bambini Italia nomina Roberta Capella nuovo Direttore. “Crescita, diversificazione dei programmi e dei servizi senza rinunciare alla nostra unicità: la qualità.” approfondisci
  • Katalin Berend presta servizio volontario come pediatra.

    Essere umani è la cura migliore

    28.11.2016 - Da quando è in pensione, la pediatra 71-enne Katalin Berend presta servizio nel campo rifugiati di Bicske, in Ungheria, a fianco di SOS Villaggi dei Bambini. Ecco la sua testimonianza. approfondisci