Uccisa una nostra ragazza in Burundi

Abbiamo perso una figlia

Milano 26 maggio 2015 - Naila Kamariza, era una ragazza SOS. E’ stata uccisa dal lancio di bombe a mano nel mercato di Bujumbura, capitale del Burundi. Molti i feriti, tra i quali un’altra giovane SOS. Naila aveva 24 anni.

Da quattro settimane il Burundi è scosso da violente proteste di piazza, seguite all'annuncio da parte del presidente uscente Pierre Nkurunziza di volersi candidare per un terzo mandato alle elezioni presidenziali del 26 giugno, nonostante il limite di due mandati fissato dalla Costituzione. Alle manifestazioni è seguito un colpo di Stato dei militari, poi fallito. Migliaia di persone hanno partecipato ieri a Bujumbura, la capitale del Burundi, al funerale di Zedi Feruzi, leader del piccolo partito d'opposizione. Sono continuate proteste e ci sono stati attacchi.

"Naila è stata uccisa in uno di questi attacchi. Siamo sconvolti. Era andata al mercato per comprare frutta e verdura. Era in compagnia di Yvette, con cui era cresciuta nel Villaggio SOS di Muyinga. Qualcuno ha lanciato delle granate ferendo entrambe le ragazze e altre persone. L'attacco è avvenuto nella notte di Venerdì 22 maggio. Le ferite di Naila erano molto profonde. Nonostante le cure ricevute, non ce l’ha fatta. Yvette è fuori pericolo e si riprenderà. Il direttore nazionale, Pascal Bizimana, sta valutando di trasferirla al Centro Medico SOS, per una migliore cura. Siamo addolorati. Stava studiando all’Università di Bujumbura. Lei era sostenuta, insieme ad altre ragazze, da SOS Villaggi dei Bambini e da poco tempo vivevano in una casa indipendente: la casa del Giovane.” - dice Liliane Habonimana responsabile programmi di SOS Villaggi dei Bambini in Burundi - “Noi facciamo così da sempre. Quando i ragazzi sono autonomi, diamo loro una casa e un sostegno economico per farli studiare. Ma sono sempre nostri ragazzi, anche se crescono e volano via. Le ragazze qui hanno bisogno di istruzione, unica garanzia per lottare contro l’esclusione sociale. Naila era orfana. Non aveva una famiglia. Eravamo noi la sua famiglia. Abbiamo perso una figlia!”
SOS Villaggi dei Bambini è presente in Burundi dal 1976, un paese afflitto da anni di conflitti etnici armati. Dal 2004, in collaborazione con altre ONG, si è attivata per assistere la popolazione colpita da da HIV/AIDS.

Oggi ci sono in Burundi 5 Villaggi SOS, Case del Giovane, Asili, 6 Scuole SOS Hermann Gmeiner e 4 Centri Medici.
  • Le parole di Giovanni Odorizzi

    La testimonianza del Direttore del Villaggio SOS di Trento

    08.02.2017 - Cosa significa per un bambino crescere senza contare sulla propria famiglia? Capiamolo attraverso le parole di Giovanni Odorizzi, direttore del Villaggio di Trento. Scopri di più
  • La storia di Alfrido al Villaggio SOS di Ostuni

    La storia di Alfrido nel Villaggio SOS di Ostuni

    08.02.2017 - Alfrido si è trovato solo in Italia, all'età di 12 anni. Nel Villaggio SOS di Ostuni ha trovato un luogo da chiamare casa. Scopri di più
  • Lucia Miceli al Tg2

    La testimonianza di Lucia Miceli ai microfoni del Tg2

    08.02.2017 - Lucia è arrivata al Villaggio SOS di Ostuni perché aveva perso la mamma e suo padre non poteva occuparsi di lei e dei suoi fratellini. Ecco la sua storia. Scopri di più
  • Nessun Bambino Solo

    Parte la campagna Nessun Bambino Solo

    30.01.2017 - Per sostenere questa importante iniziativa, dal 29 gennaio al 11 febbraio, è possibile donare con un SMS o chiamata da rete fissa al 45522. Scopri di più
  • Testimonianze da Aleppo

    Testimonianze da Aleppo: la storia di Salma

    23.12.2016 - "I miei figli hanno visto cose che nessun bambino dovrebbe mai trovarsi di fronte"- Salma racconta la sua vita, insieme ai tre figli, nella città assediata di Aleppo. Approfondisci
  • cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    20.12.2016 - Un lavoro nelle aziende del territorio per 28 giovani in difficoltà: cameo sostiene il “Progetto AutonoMIA” di SOS Villaggi dei Bambini nei Villaggi di Vicenza, Mantova, Morosolo e Saronno (VA). Scopri di più
  • Aleppo: i desideri dei bambini in guerra.

    20.12.2016 - Abbiamo chiesto a cinque bambini di Aleppo, costretti a fuggire a causa della guerra, di raccontarci come si sentono. approfondisci
  • Da un Villaggio SOS alle Olimpiadi

    20.12.2016 - Mavis Chirandu è cresciuta in una Famiglia SOS a Bindura, nello Zimbabwe, è andata in Agosto a Rio de Janeiro per la nazionale femminile di Calcio dello Zimbabwe. Leggi la sua storia
  • Ci sono cose che da soli non si possono affrontare

    20.12.2016 - A dicembre abbiamo lanciato la campagna di raccolta fondi digital “Ci sono cose che da soli non si possono affrontare”, con l’obiettivo di sostenere il nostro lavoro in Italia. approfondisci
  • Fratelli e sorelle insieme

    20.12.2016 - Le parole di Lucia, accolta nel Villaggio SOS di Ostuni e oggi mamma di due bambini. approfondisci