Una donna presidente di SOS Villaggi dei Bambini Italia

Sarò garante di trasparenza, correttezza e sincera generosità. Siamo al servizio dei più vulnerabili. Non dobbiamo mai dimenticarlo

SOS Villaggi dei Bambini sceglie una donna come guida. Maria Grazia Lanzani Rodríguez Y Baena nasce il 23 Settembre del 1954 a San Colombano al Lambro (MI). Imprenditrice e membro della “Silicon Valley Italian School”, in California, supporta e promuove, con passione e competenza, le attività e la mission di SOS Villaggi dei Bambini da più di 30 anni. Nel 1977 fonda il Comitato SOS di Pavia insieme a Maria Felisari e ad Elisabetta Pietra, rivestendo poi il ruolo di Presidente. Si occupa della costruzione di tre case nel Villaggio SOS di Morosolo e della prima casa SOS in Italia “Mamma con Bambino” diventando membro del consiglio di amministrazione. Attraverso il Comitato di Pavia costituisce il "Fondo per la Formazione ed il Sostegno” dedicato ai ragazzi ospiti dei 7 Villaggi SOS italiani per finanziare borse di sostegno alla formazione, borse lavoro e borse per l’avvio all’autonomia.
Nel 2014 è finalista al Premio di Montecarlo “Femme de l'année” per l’impegno profuso a sostegno dei più vulnerabili.

“Appartengo alla grande Famiglia SOS da 36 anni. Fu proprio una donna a condurmi in questa incredibile avventura: non furono necessarie molte parole, come spesso accade quando si seguono le vie del cuore. Vie misteriose in cui occorrono solo silenzio, integrità morale e verità. E’ tutto ciò che ho trovato. Rimasi profondamente colpita dal modello di accoglienza unico e rivoluzionario del Fondatore Hermann Gmeiner e dai principi, incarnati e difesi, da SOS Villaggi dei Bambini. Il bambino al centro. I suoi diritti al centro. Siamo nati prima della Convenzione ONU dei diritti del fanciullo e non a caso siamo stati i promotori dell'attuazione e dell'implementazione delle Linee Guida (in materia di accoglienza fuori dalla famiglia d'origine). In tutti questi anni ho visitato molti paesi e Villaggi SOS. Ho seguito i progetti, ho conosciuto i nostri collaboratori, le Mamme SOS e ovviamente i bambini e i ragazzi che accogliamo e che accompagniamo, giorno dopo giorno, e che sono il cuore della nostra missione da oltre 60 anni. SOS Villaggi dei Bambini è un gioiello, composto da persone competenti, professionali e amorevoli che in ogni situazione, dalla guerra civile al terremoto, dalla catastrofe umanitaria alla crisi economica, sono capaci di essere forti, unite, mettendo l ’ interesse dei bambini sopra ogni cosa. Sono entrata in contatto con mondi e culture molto diverse ma trovandovi sempre il comune interesse per l’infanzia. Cosa diamo? Amore, cura, protezione e una famiglia a chi in un momento della sua vita ne è privato. Ogni volta che leggo le storie e vedo le immagini di chi sosteniamo chiudo gli occhi e penso a come sarebbe stata la mia vita senza la famiglia che ho la fortuna di avere. Ho tre meravigliosi figli che abbiamo cresciuto trasferendo l'amore per l'altro e per ciò di cui l'altro ha bisogno. Sono fiera di ognuno di loro e felice quando posso coccolare i miei tre nipotini. Vivono all'estero. La mia è una grande famiglia internazionale, proprio come SOS Villaggi dei Bambini. Mio marito è un Medico, è stato Fondatore del reparto di neurochirurgia dell’Istituto Humanitas e socio fondatore dell’Associazione Sartori per le cure palliative. Grazie alla sua “cura” e alla sua attenzione ho potuto dedicarmi quotidianamente a questo mio impegno. Lui mi ha permesso di “volare” e ora, non a caso, l’ha scelto come suo personale hobby. Un uomo “pilota”, in tutti i sensi. Negli ultimi anni il mio coinvolgimento in SOS Villaggi dei Bambini ha assunto un respiro di carattere internazionale. Era necessario. Siamo una Federazione, non possiamo dimenticarlo. Credo nella trasparenza, correttezza e sincera generosità. Questi i valori che difenderò nel mio nuovo incarico e di cui mi farò garante! Ricordiamoci che siamo qui per i bambini vulnerabili. Dobbiamo rispondere a loro e solo a loro”
 

Maria Grazia Lanzani Rodríguez Y Baena

  • Le parole di Giovanni Odorizzi

    La testimonianza del Direttore del Villaggio SOS di Trento

    08.02.2017 - Cosa significa per un bambino crescere senza contare sulla propria famiglia? Capiamolo attraverso le parole di Giovanni Odorizzi, direttore del Villaggio di Trento. Scopri di più
  • La storia di Alfrido al Villaggio SOS di Ostuni

    La storia di Alfrido nel Villaggio SOS di Ostuni

    08.02.2017 - Alfrido si è trovato solo in Italia, all'età di 12 anni. Nel Villaggio SOS di Ostuni ha trovato un luogo da chiamare casa. Scopri di più
  • Lucia Miceli al Tg2

    La testimonianza di Lucia Miceli ai microfoni del Tg2

    08.02.2017 - Lucia è arrivata al Villaggio SOS di Ostuni perché aveva perso la mamma e suo padre non poteva occuparsi di lei e dei suoi fratellini. Ecco la sua storia. Scopri di più
  • Nessun Bambino Solo

    Parte la campagna Nessun Bambino Solo

    30.01.2017 - Per sostenere questa importante iniziativa, dal 29 gennaio al 11 febbraio, è possibile donare con un SMS o chiamata da rete fissa al 45522. Scopri di più
  • Testimonianze da Aleppo

    Testimonianze da Aleppo: la storia di Salma

    23.12.2016 - "I miei figli hanno visto cose che nessun bambino dovrebbe mai trovarsi di fronte"- Salma racconta la sua vita, insieme ai tre figli, nella città assediata di Aleppo. Approfondisci
  • cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    20.12.2016 - Un lavoro nelle aziende del territorio per 28 giovani in difficoltà: cameo sostiene il “Progetto AutonoMIA” di SOS Villaggi dei Bambini nei Villaggi di Vicenza, Mantova, Morosolo e Saronno (VA). Scopri di più
  • Aleppo: i desideri dei bambini in guerra.

    20.12.2016 - Abbiamo chiesto a cinque bambini di Aleppo, costretti a fuggire a causa della guerra, di raccontarci come si sentono. approfondisci
  • Da un Villaggio SOS alle Olimpiadi

    20.12.2016 - Mavis Chirandu è cresciuta in una Famiglia SOS a Bindura, nello Zimbabwe, è andata in Agosto a Rio de Janeiro per la nazionale femminile di Calcio dello Zimbabwe. Leggi la sua storia
  • Ci sono cose che da soli non si possono affrontare

    20.12.2016 - A dicembre abbiamo lanciato la campagna di raccolta fondi digital “Ci sono cose che da soli non si possono affrontare”, con l’obiettivo di sostenere il nostro lavoro in Italia. approfondisci
  • Fratelli e sorelle insieme

    20.12.2016 - Le parole di Lucia, accolta nel Villaggio SOS di Ostuni e oggi mamma di due bambini. approfondisci