Una visita (con merenda) al Villaggio SOS di Morosolo e una "prima" a teatro

Paolo Migone tutto per noi

Paolo Migone - spumeggiante comico toscano  reso celebre dalla trasmissione televisiva Zelig - è un nuovo, grande e sensibilissimo amico di SOS VILLAGGI DEI BAMBINI MOROSOLO dove ha anche intrattenuto i ragazzi per una giornata davvero particolare e spensierata.
Regista e protagonista il 27 gennaio al Teatro Apollonio di Varese di “Italia di M…are” , ha voluto che i proventi del suo spettacolo fossero devoluti ai progetti sociali in corso da parte di SOS VILLAGGI DEI BAMBINI MOROSOLO.
 
Dopo aver  presentato a Palazzo Estense lo spettacolo alla Stampa, insieme  alla Presidente Elena Tegami Pavesi e l’Assessore Simone  Longhini,  Migone si è recato al Villaggio per incontrare i giovani ospiti. Spettacolo e risate assicurati, sì, ma anche per Paolo Migone, perché i ragazzi  l’hanno accolto a sorpresa esibendo sul proprio viso proprio un bell’occhio nero, autodipinto da ciascuno di loro per emulare lo stesso Migone quando porta in scena il professore pazzo vittima di un incidente stradale.
 
E’ solo grazie alla collaborazione tra Paolo Migone, il Villaggio SOS di Morosolo e il Comune di Varese, che per la prima a volta a Varese è giunto lo spettacolo Italia di M…are, nel quale l’attore racconta con brio spiccato e travolgente, le virtù, gli eccessi, le manie, le abitudini, i vizi e le cattiverie degli italiani. Un punto di vista critico e ironico con lo stile visionario tipico del comico toscano.
 
Il Villaggio SOS di MOROSOLO ringrazia di cuore Paolo Migone per la generosità e la simpatia con cui si è prestato ad aiutare i nostri ragazzi, pubblico entusiasta al Teatro Apollonio tutti ad applaudire il loro nuovo amico.
  • Testimonianze da Aleppo

    Testimonianze da Aleppo: la storia di Salma

    23.12.2016 - "I miei figli hanno visto cose che nessun bambino dovrebbe mai trovarsi di fronte"- Salma racconta la sua vita, insieme ai tre figli, nella città assediata di Aleppo. Approfondisci
  • cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    20.12.2016 - Un lavoro nelle aziende del territorio per 28 giovani in difficoltà: cameo sostiene il “Progetto AutonoMIA” di SOS Villaggi dei Bambini nei Villaggi di Vicenza, Mantova, Morosolo e Saronno (VA). Scopri di più
  • Aleppo: i desideri dei bambini in guerra.

    20.12.2016 - Abbiamo chiesto a cinque bambini di Aleppo, costretti a fuggire a causa della guerra, di raccontarci come si sentono. approfondisci
  • Da un Villaggio SOS alle Olimpiadi

    20.12.2016 - Mavis Chirandu è cresciuta in una Famiglia SOS a Bindura, nello Zimbabwe, è andata in Agosto a Rio de Janeiro per la nazionale femminile di Calcio dello Zimbabwe. Leggi la sua storia
  • Ci sono cose che da soli non si possono affrontare

    20.12.2016 - A dicembre abbiamo lanciato la campagna di raccolta fondi digital “Ci sono cose che da soli non si possono affrontare”, con l’obiettivo di sostenere il nostro lavoro in Italia. approfondisci
  • Fratelli e sorelle insieme

    20.12.2016 - Le parole di Lucia, accolta nel Villaggio SOS di Ostuni e oggi mamma di due bambini. approfondisci
  • Il tuo voto per SOS Villaggi dei Bambini vale un’area gioco per bambini

    20.12.2016 - Vota il progetto “Italy: Building a children play area”: per realizzare un’area gioco per bambini di SOS Villaggi dei Bambini Italia! approfondisci
  • Storie di accoglienza del centro per rifugiati di Principovac

    Storie di accoglienza nel centro per rifugiati di Principovac

    06.12.2016 - Il centro di accoglienza per rifugiati di Principovac si trova in un ex ospedale pediatrico al confine fra Serbia e Croazia, a 100 metri dalla frontiera. Il villaggio serbo più vicino è a 10 km di distanza, a un'ora di cammino. approfondisci
  • Roberta Capella

    Roberta Capella è il nuovo direttore di SOS Villaggi dei Bambini

    29.11.2016 - SOS Villaggi dei Bambini Italia nomina Roberta Capella nuovo Direttore. “Crescita, diversificazione dei programmi e dei servizi senza rinunciare alla nostra unicità: la qualità.” approfondisci
  • Katalin Berend presta servizio volontario come pediatra.

    Essere umani è la cura migliore

    28.11.2016 - Da quando è in pensione, la pediatra 71-enne Katalin Berend presta servizio nel campo rifugiati di Bicske, in Ungheria, a fianco di SOS Villaggi dei Bambini. Ecco la sua testimonianza. approfondisci