Villaggio SOS di Vicenza

Inaugurato il forno del progetto Pane Quotidiano

Vicenza, 14 settembre 2015 - È stato inaugurato venerdì 11 settembre il forno del progetto Pane Quotidiano, start up della cooperativa Idea Nostra, da un’idea del Villaggio Sos Vicenza. Obiettivo del progetto è dare un lavoro ai ragazzi più grandi del Villaggio, che diventano così i protagonisti di una nuova filiera per la produzione di pane e prodotti da forno, da agricoltura biologica e con pasta madre.
 
Ogni forma di Pane Quotidiano è il frutto del lavoro dei ragazzi della cooperativa che, guidati dal mastro fornaio Denis Segalina, lavorano artigianalmente con materie prime di alta qualità: le farine sono da agricoltura biologica e vengono da un mulino a pietra della Provincia. La lentezza è uno dei segreti di questa lavorazione: le farine sono impastate con la pasta madre, per una lievitazione naturale che garantisce la digeribilità ed esalta i sapori.

Il pane diventa così un tramite grazie al quale costruire nuove relazioni che, a partire dal Villaggio Sos di Vicenza, attraversano la città fino ad arrivare alla bottega che aprirà sabato 3 ottobre in piazza delle Erbe. Proprio nel cuore della Basilica Palladiana, si troveranno i pani e i dolci di Pane Quotidiano, insieme ad altri prodotti biologici, a filiera corta e di alta qualità. Nella bottega ci sarà anche un bar dove accompagnare il pane con ortaggi bio di stagione, sughi di qualità e con le eccellenze culinarie del territorio, per colazioni a filiera corta, merende bio, scarpette con “pan e tocio” e aperitivi originali, secondo le stagioni.

“Per noi è un’occasione unica per imparare un nuovo lavoro e poterci costruire un futuro in autonomia”, dicono i ragazzi coinvolti nel progetto Pane Quotidiano. Fanno parte del gruppo ragazzi che hanno tra i 16 e i 21 anni: alcuni di loro hanno già iniziato a fare i turni nel forno, per la produzione del pane e dei dolci. “Insieme al mastro fornaio, stiamo imparando molte cose che non conoscevamo sulle farine e la lavorazione del pane con la pasta madre. Stiamo acquisendo una professionalità”, dicono. Altre ragazze saranno inserite nella bottega che aprirà il 3 settembre in piazza delle Erbe: “Si tratta di un’esperienza nuova, nella quale ci possiamo mettere in gioco e imparare a lavorare in gruppo. La nostra prima impressione è positiva e ci stiamo impegnando per fare in modo che il progetto funzioni. Insieme, stiamo costruendo nuove relazioni e una possibilità per il nostro domani”.

Un progetto reso possibile grazie ai tanti che hanno creduto in questa idea, in primis il Comune di Vicenza, che ha creduto nell’idea fin dall’inizio. Il progetto della bottega di piazza delle Erbe è stato creato e disegnato dallo Studio Albanese; i loghi di Pane Quotidiano e Idea Nostra sono stati ideati da Ale Giorgini
 
La Fondazione Divo Bartolini ha sposato da subito il progetto, contribuendo al suo avvio, insieme alla Fondazione Cattolica Assicurazioni; cameo ha investito nella formazione dei ragazzi per il lavoro in panetteria e contribuito all’arredamento della bottega. I macchinari del forno sono stati forniti da Sottoriva e Low Carb Food ha affidato a Pane Quotidiano la produzione annuale dei loro prodotti a marchio, con l’obiettivo, in futuro, di inserire in azienda uno dei ragazzi del Villaggio. Menegazzo ha fornito le ciotole per il bar, mentre le macchine del caffè sono di Carraro, che ha contribuito anche alla formazione delle ragazze che staranno in bottega. M3 arredamenti e Polazzo Grandimpianti hanno contribuito all’allestimento del bar e del forno.



 
SOS Villaggi dei Bambini è la più grande organizzazione a livello mondiale, impegnata nel sostegno di bambini privi di cure familiari o a rischio di perderle. Nasce nel 1949 e, ad oggi, è la sola Associazione che ha la capacità di accogliere, all’interno dei suoi Villaggi SOS, 82.300 bambini, ai quali garantisce istruzione, cure mediche e tutela in situazioni di emergenza. Promuove programmi di supporto alle famiglie in stato di necessità ed è presente in 134 paesi e territori nel mondo, dove aiuta quasi 2.000.000 di persone. In Italia è membro dell’Osservatorio nazionale per l’infanzia e l’adolescenza e aiuta 336 bambini e ragazzi e le loro famiglie, per un totale di 537 persone. Lo fa attraverso 7 Villaggi SOS - rispettivamente a Trento, Ostuni (BR), Vicenza, Morosolo (VA), Roma, Saronno (VA) e Mantova - e un Programma di rafforzamento familiare a Torino, rivolto alle famiglie in stato di necessità. Sostiene, inoltre, il Centro Estivo Internazionale SOS di Caldonazzo (TN). www.sositalia.it
Per maggiori informazioni