SOS Villaggi dei Bambini nelle Mauritius

Children playing at SOS Children's Village Bambous (photo: SOS archives)
Children playing at SOS Children's Village Bambous (photo: SOS archives)

Capitale: Port Louis 
Area: 1.860 kmq 
Popolazione: 1,2 milioni 
Etnie: discendenti d’ immigrati indiani 65%, Creoli 30%
Lingua ufficiale: Inglese 
Religioni: Induismo 50%, Islam 20% 
Valuta: Rupia 

 

 

Intervento

Nel 1988 SOS Villaggi dei Bambini sviluppa i primi incontri con il governo delle Mauritius per proporre la costruzione di un Villaggio SOS. 

Nel 1989 nasce l’associazione nazionale SOS Mauritius con la firma di un accordo governativo. 
Il governo accoglie con entusiasmo le iniziative di SOS Villaggi dei Bambini e mette a disposizione un’ area a Beau Bassin,  a 20 km a sud dalla capitale, Port Louis. 

La costruzione del primo Villaggio SOS inizia nel 1990. 
Dal 1996, SOS compra otto appartamenti a due km dal Villaggio SOS da adibire a casa del giovane.

Anche se le Mauritius sono una destinazione turistica molto popolare, c'è molta povertà, specialmente nelle regioni non frequentate dai turisti. 

A causa della condizione precaria dei bambini sull'isola,  SOS costruisce un altro Villaggio SOS sull’ isola. Il governo rende disponibile un appezzamento di terra a Bambous, la capitale della provincia del Fiume Nero. Nel Novembre 2003 il Villaggio diventa operativo.

Nel 2004  SOS attiva un progetto per sostenere ed aiutare i bambini vulnerabili e le loro famiglie.

Oggi nelle Mauritius ci sono due Villaggi SOS, una casa del giovane, due Asili SOS e un Centro Sociale SOS.

adotta un bambino a distanza