SOS Villaggi dei Bambini in Sud Africa

Taking a nap - photo: P. Wittmann
Brothers and sisters grow up together in an SOS family - photo: SOS archives

Capitale: Pretoria 
Area: 1.219.912 km 
Popolazione: 39,9 milioni 
Etnie: 65% africana, 14% europea, 8% meticci, 3% indiani 
Lingua ufficiale: Inglese, Africaan, isiXhosa, isiZulu, isiNdebele, saLebowa, siSwati, Xitsonga, Setswana, e Tshivenda
Religioni: Cristiana, Musulmana, Indu, Ebraica
Valuta: rand 

 

In molte province del Sud Africa c’è grande necessità di servizi e iniziative a sostegno delle famiglie più vulnerabili. Questi interventi sono molto apprezzati dalle autorità sud africane che ne promuovono la realizzazione. Grazie alle adozioni a distanza, i sostenitori internazionali possono aiutare i bambini africani rimasti senza le cure di una famiglia, che vengono accolti nei Villaggi SOS.

L'ex-presidente Nelson Mandela e l’ arcivescovo Desmon Tutu sono tra i più grandi sostenitori dei Villaggi SOS in Sud Africa. Sebbene i servizi del primo Villaggio SOS siano rivolti a bambini di origine africana, nel 1994 si trasferirono nel Villaggio SOS di Cape Town anche bambini di origine europea e indiani. I bambini sono accuditi da Mamme SOS di etnie differenti, modalità che prima del 1993 sarebbe stata impossibile con leggi dell’ Apartheid.

I disastri naturali come l'alluvione nella provincia di Natal nel 1987 o il  ciclone su Cape Town nel 1999, spingono i Villaggi SOS del Sud Africa a fornire aiuti immediati alle persone senza tetto attraverso un Programma di Emergenza SOS.

Dal 2002 SOS Villaggi dei Bambini del Sud Africa ha attivato un Programma di Rafforzamento Familiare SOS, per evitare che i bambini vengano abbandonati o sfruttati dai loro genitori. Per raggiungere questo obiettivo, la nostra associazione lavora direttamente con le famiglie e le comunità locali, per aiutarli a proteggere i loro figli nel migliore dei modi.

Come molte nazioni africane, il Sud Africa è gravemente colpito dalla pandemia di HIV/AIDS e anche qui i Villaggi SOS offrono assistenza ai bambini e alle famiglie più colpite da HIV/AIDS.

Oggi in Sud Africa ci sono 8 Villaggi SOS, 6 Case del Giovane SOS, 7 Asili SOS, 1 Scuola SOS Hermann Gmeiner, 1 centro di formazione per Mamme SOS, 11 Centri Sociali SOS.

adotta un bambino a distanza