SOS Villaggi dei Bambini nel Sudan del Sud

Informazioni sul Paese

A young girl in our care dreams of peace in her country and of becoming a doctor (Photo: C. Ashleigh).
A young girl in our care dreams of peace in her country and of becoming a doctor (Photo: C. Ashleigh).

Capitale: Giuba
Area: 619,745 km2
Popolazione: 12 milioni
Lingua ufficiale: inglese
Altre lingue: arabo, lingue nilo-sahariane
Valuta: pund sud sudanense

Il Sudan del Sud è una delle nazioni più povere dell'Africa, con la maggioranza della popolazione che vive al di sotto dela soglia di povertà.
Il Paese è inoltre noto per avere uno dei più alti tassi di mortalità infantile al mondo.
Ci sono ancora conflitti, carestie e malnutrizione.


 

Intervento

Il lavoro di SOS Villaggi dei Bambini nel Sudan è cominciato nel 1978. Quando il Sudan del Sud è diventato indipendente nel 2011, è stata creata la nuova associazione di SOS Villaggi dei bambini del Sudan del Sud.

Cure nelle famiglie SOS e supporto per i giovani: I bambini le cui famiglie non possono più prendersi cura di loro trovano una casa affettuosa nelle famiglie SOS. Nei primi mesi del 2014 SOS Villaggi die Bambini Malakal è stato saccheggiato e le famiglie sono state costrette ad andarsene. I bambini e i giovani sono state evacuate verso Juba, dove hanno trovato una situazione migliore; inialmente hanno vissuto in case in affitto, per poi spostarsi più tardi proprio nel Villaggio SOS di Juba.

Programma di emergenza: Quando il Sudan del Sud è diventato indipendente nel 2011, SOS Villaggi dein Bambini ha lanciato un programma di emergenza per assistere alcuni dei minorenni non accompagnati che sono tornati nel Sudan del Sud. Stiamo lavorando per riunire i bambini alle loro famiglie di origine. Più recentemente, dal 2016, siamo di supporto per i bambini e per le famiglie che hanno subito le conseguenze della recente situazione di violenza. Forniamo cibo, supporto psicologico e li aiutiamo nelle loro necessità di acqua e di cure sanitarie. Infine ci occupiamo dei bambini, che aiutiamo nel loro percorso scolastico pagando le spese di iscrizione e i materiali scolastici.


adotta un bambino a distanza