SOS Villaggi dei Bambini in Tunisia

Children at play - photo: SOS Archives
Children at play - photo: SOS Archives

Capitale: Tunisi 
Area: 163,610 kmq 
Popolazione: 9.5 milioni 
Etnie: Arabi 98%, Europei 1%
Lingua ufficiale: Arabo 
Religioni: Musulmana 98%, Cristiana 1% 
Valuta: Dinar 

 

 

Nel 1981 Hermann Gmeiner firma un accordo con il Ministro delle Politiche Sociali e Giovanili. Nello stesso anno nasce SOS Villaggi dei Bambini in Tunisia e si inizia la costruzione di due Villaggi SOS a Siliana, nel nord ovest, e a Gammarth, a nord di Tunisi. 
Gli Asili SOS annessi a questi Villaggi sono aperti anche ai bambini della comunità. 

Dal 1989 gli adolescenti cresciuti nei Villaggi sono accolti nelle nuove case del giovane dove si preparano all’autonomia. 

Nel 1992 nel Villaggio SOS di Gammarth sono stati attivati una biblioteca e un centro diurno per bambini, grazie all'impegno e all'interessamento della moglie del presidente della tunisia, Mrs. Leila Ben Alì. 

Nel 2000 diventa operativo il terzo Villaggio SOS tunisino a Mahres, un piccolo villaggio della costa meditterranea.

Dall'inizio del 2006 sono attivi i Programmi di Rafforzamento Famigliare SOS, con obiettivo di consentire ai bambini a rischio di perdere le cure dei loro genitori, di continuare a crescere all'interno di un ambiente familiare affettuoso. Per raggiungere questo obiettivo, SOS Villaggi dei Bambini della Tunisia lavora direttamente con le famiglie e le comunità locali, per fare in modo che possano proteggere i loro figli nel migliore dei modi.
 
A causa dell'alto numero di bambini rimasti soli, i Villaggi SOS di Gammarth e Mahres sono stati ingranditi con 3 nuove case famiglia. I lavori di ampliamento sono stati terminati nel 2007.

Oggi in Tunisia ci sono 4 Villaggi SOS, 3 Case del Giovane SOS e 3 Asili SOS. 

 

adotta un bambino a distanza