DANCE4LIFE
SOS Logo Italia

DANCE4LIFE: rivivi le emozioni dell'evento

Passione, impegno, coraggio, speranza: DANCE4LIFE è stato tutto questo. Grazie ad Ahmad Joudeh e a tutti quelli che, con generosità, hanno dato un contributo per i nostri progetti in favore dei bambini in Siria.

AIUTACI ANCHE TU. Adotta a distanza un bambino in Siria: basta meno di 1 euro al giorno per dargli una casa accogliente e le cure e l’amore di cui ha bisogno.

Adotta un bambino in siria scelta più frequente

Dona per l’emergenza

Ahmad Joudeh si è esibito per SOS Villaggi dei Bambini in “DANCE4LIFE”.
La danza è passione, è eleganza, ma è soprattutto un’arte che ha il potere di salvare le persone che la praticano.
Veronica Maya è stata conduttrice di questa serata speciale, con il patrocinio del Comune di Milano e la partecipazione di Pierfrancesco Majorino, Assessore alle Politiche Sociali di Milano, Mirkoeilcane e Giorgia Surina.

I fondi raccolti dall’evento serviranno a supportare i progetti di SOS Villaggi di Bambini in Siria
.

DANCE4LIFE

Spettacolo di danza e solidarietà per la Siria
28 Novembre - Teatro Carcano - Milano

Danza o Muori: dai campi profughi della Siria, perseguitato dai terroristi, a ballerino del National Dutch Ballet. Ahmad Joudeh è salito sul palco del Teatro Carcano il 28 novembre 2018 per una serata speciale di arte e sensibilizzazione, un inno alla vita contro gli orrori della guerra in Siria che ha rubato il futuro ad una generazione di bambini!

Chi è Ahmad Joudeh

Nato nel 1990, è cresciuto in un campo profughi vicino a Damasco, in Siria. Ballare per lui non è solo una passione ma un atto di ribellione. Il suo motto è “danza o muori”. E non è una metafora: i terroristi hanno minacciato di decapitarlo semplicemente perché era un ballerino e insegnava la danza ai bambini. Ma lui non si è fermato e come ultimo atto di coraggio ha danzato al teatro romano di Palmira, dove si sono svolte tante esecuzioni capitali da parte degli estremisti. Oggi vive ad Amsterdam è attivo a livello internazionale come ballerino e coreografo portando ovunque il suo messaggio di speranza e libertà.
A gennaio 2018 si è esibito con Roberto Bolle durante “Danza con me”, spettacolo di Rai1 vincitore del premio miglior programma di intrattenimento a livello europeo dell’anno. La sua autobiografia “Danza o muori” uscirà a breve in Italia, edizioni DeA Planeta Libri. Ahmad sostiene da sempre SOS Villaggi dei Bambini con masterclass e spettacoli dedicati ai bambini accolti nei Villaggi SOS in Siria e in Italia.
Visita il sito web di Ahmad Joudeh

Guarda la gallery

SOS Villaggi dei Bambini è la più grande organizzazione a livello mondiale impegnata nel sostegno di bambini privi di cure familiari o a rischio di perderle. Abbiamo progetti attivi in 135 Paesi del mondo, Italia compresa, e lavoriamo da oltre 60 anni affinché ogni bambino possa vivere in un ambiente familiare e amorevole nel quale crescere serenamente, con i propri fratelli e sorelle, e ricevere il cibo, le cure, l’educazione e la sicurezza di cui hanno bisogno. In Italia aiutiamo centinaia di famiglie e bambini attraverso 7 Villaggi SOS - rispettivamente a Trento, Ostuni (BR), Vicenza, Morosolo (VA), Roma, Saronno (VA) e Mantova – un programma di affido familiare a Torino e un programma di sostegno psicosociale a Crotone.

Il lavoro di SOS Villaggi dei Bambini in Siria

DANCE4LIFE è anche una serata per raccogliere fondi per supportare i progetti di SOS Villaggi dei Bambini in Siria.
L’ottavo anno del conflitto si avvicina oramai, e la situazione nel Paese continua ad essere disperata: 6 milioni di bambini hanno bisogno di assistenza umanitaria urgente.
Siamo presenti in Siria dal 1980 e abbiamo 6 strutture operative in cui restituiamo protezione e il calore di una famiglia a tanti bambini rimasti soli a causa del conflitto.
Negli ultimi cinque anni abbiamo aiutato circa 93.000 bambini e 52.000 famiglie fornendo loro assistenza temporanea, medica ed educativa. Siamo operativi anche nei Paesi confinanti con la Siria (Giordania e Libano) per dare supporto e accoglienza alle famiglie siriane sfollate in seguito al conflitto.