Risposta all'emergenza – 27.10.2021

Un mondo al limite? Tutelare la propria salute mentale in tempo di crisi

Difficilmente passa un giorno senza che si vedano immagini terribili in televisione e sui social e questo mette a dura prova il benessere di molte persone. Ne abbiamo parlato con Teresa Ngigi, psicologa di SOS Villaggi dei Bambini

Teresa Ngigi, è psicologa ed esperta di salute mentale per SOS Villaggi dei Bambini. Ha una grande esperienza in particolare nel campo dei traumi infantili in situazioni di emergenza grazie al suo lavoro sul campo in Siria, Sierra Leone e Mozambico. 

Dottoressa Ngigi, come possiamo affrontare meglio l'incessante flusso notizie negative da tutto il mondo senza sentirci sopraffatti e impotenti? 

È vero, tanti avvenimenti terribili stanno accadendo tutti in una volta in questo momento.  

Siamo rapidamente tentati di cercare risposte. Vogliamo scoprire perché tutto questo stia accadendo. Questo è legittimo e abbastanza normale. Tuttavia, penso che il primo passo sia sempre verso noi stessi 

Dobbiamo prima ripulire “la nostra casa”. Perché, solo quando sono completamente me stesso, posso guardare con mente lucida ciò che accade nel mondo. È importante essere consapevoli anche quando si guardano i telegiornali, altrimenti possiamo sentirci rapidamente sopraffatti. 

Cosa possiamo fare per "ripulire la mia casa" e diventare più consapevoli?

La meditazione è uno strumento molto importante. Quando medito, ho una mente aperta. Mindfulness, dopo tutto, significa che sono presente in ogni momento.  

Ad esempio, in questo momento sto parlando con te. Non sto pensando a quale piatto preparerò a pranzo, né a quale domanda mi porrai successivamente. No, ti sto parlando di consapevolezza, e questa quanto di più importante io stia facendo in questo momento. Attraverso la meditazione, nel tempo, capisco anche sempre di più quali sono i miei punti di forza, dove posso lavorare su me stesso. E poi noto tutte le piccole opportunità grazie alle quali posso fare la differenza per me stesso e per gli altri, per la comunità. Tuttavia, non aiuta molto evitare completamente le notizie.  

Come si può rimanere informati in modo accurato e puntuale, proteggendo allo stesso tempo il proprio equilibrio e salute mentale? 

Ancora una volta, è importante rimanere fedeli a se stessi. Quando ho sentito le brutte notizie dall'Afghanistan, il mio primo pensiero è stato: "Perché?".  

Mi sono arrabbiata molto, ma poi mi sono fermata e mi sono chiesta: "Ok, come può la mia rabbia aiutarmi in questo momento? Perché non usarla per essere proattivi?". 

Così ho subito cercato di essere proattivo e ho contattato i miei amici che lavoravano in Afghanistan. Ho solo chiesto loro come stavano, li ho ascoltati e incoraggiati. Non potevo aiutare le persone in fuga e disperate all'aeroporto, ma almeno sono stata in grado di trasformare la mia rabbia in qualcosa di costruttivo. 

Naturalmente, potrei fare altrettanto bene utilizzando la rabbia in altro modo, ad esempio donando, oppure andando a una manifestazione. 

Anche se si tratta di un piccolo atto, contribuisce sempre al quadro più ampio. Scelgo deliberatamente le mie fonti di informazione, sono molto selettiva rispetto alle notizie che leggo o a quali gruppi mi unisco sui social media. Cerco di evitare canali che emanano solo energia negativa, preferendo, invece, quelli che cercano soluzioni su come possiamo cambiare la situazione. L'informazione dovrebbe innanzitutto potenziare l'azione. 

Come agire nella pratica se, nonostante tutte le buone intenzioni, ci troviamo già nel bel mezzo di un vortice di notizie negative e iniziamo a sentirci sopraffatti da tristezza e impotenza? 

Anche io sono stata molto colpita dalle notizie dall'Afghanistan. La prima cosa che ho detto a mio marito è stata: "Andiamo in montagna e camminiamo". Ognuno ha strategie diverse per alleviare il senso di oppressione. Nel mio caso, una bella e lunga escursione in montagna funziona. Tuttavia, a volte si tratta anche solo di vedere un bel film, di organizzare una telefonata con gli amici – l’importante è sentirsi meglio. 

Questa non è da considerare una via di fuga, si tratta di cura personale!  

La cura personale è incredibilmente importante, se vogliamo avere un impatto positivo sulla nostra società. Ecco perché ognuno di noi ha bisogno di capire da solo quali strategie mettere in campo ed applicarle. 

Quando ci si prende cura di sè è facile sentirsi in colpa. Dopotutto, le persone ad Haiti, in Afghanistan, in Grecia, in Turchia o nelle aree allagate della Germania non possono prendersi una pausa in questo momento. Come possiamo ridurre questo senso di colpa? E come possiamo uscire da questo ciclo di pensieri incessante sulla sofferenza degli altri?  

È abbastanza normale sentirsi in colpa di fronte alle situazioni catastrofiche che avvengono nel mondo. Dato che ci identifichiamo con la sofferenza degli altri, a volte sentiamo che li stiamo tradendo quando facciamo qualcosa di buono per noi stessi. Tuttavia, c'è una differenza tra empatia e simpatia. Empatia significa entrare nei panni dell'altra persona per imparare cosa potrebbe provare. E poi, dopo averlo fatto, restituisco le scarpe. Simpatia, d'altra parte, significa che indosso le scarpe dell'altra persona e le porto a casa. Questa è una grande differenza. Perché, in questo modo, la mia vita entra nel caos.  

Empatia non significa che dimentico le tue scarpe nel momento in cui le riporto indietro. No, ti ho sostenuto in qualche modo, forse ho anche detto una preghiera o ti ho inviato qualche pensiero positivo. 

Tuttavia, se ci poniamo in un atteggiamento di simpatia, ci lasciamo trascinare nella miseria degli altri. Allora non siamo in grado di aiutare.  

Il senso di colpa è normale, ma non dovrebbe farci dimenticare noi stessi. Pertanto, la consapevolezza è molto importante: non sono indifferente alla situazione di queste persone, ma non voglio che questa situazione mi trascini verso il basso. Perché in questo stato non posso aiutare nessuno. Al contrario, se non sto bene, colpisce le altre persone intorno a me. Se sono così consumato da queste afflizioni, è probabile che renderò la vita difficile anche al mio partner e ai miei figli. Quindi ho bisogno di prendermi cura di me stessa e non sentirmi in colpa. 

Può essere utile parlare con amici e familiari della situazione attuale delle notizie? Oppure potrebbe essere controproducente?  

Prendiamo un altro esempio attuale: per molto tempo, la gente ha parlato solo di Coronavirus. Era tutta una questione di vaccinazioni, numeri, teorie del complotto. Quindi, in questo modo il ghiaccio si assottiglia rapidamente. Certo, abbiamo la tendenza a parlare di questi brutti eventi con gli amici - è diventato parte della nostra cultura. Anche in tal caso, la consapevolezza può aiutarti a riconoscere presto quando una conversazione sta prendendo una piega sbagliata. Va bene parlare di eventi attuali, ma consiglio di attenersi a ciò che possiamo cambiare della situazione.  

Di recente ho parlato con un collega dell'Afghanistan e, invece di lamentarci, abbiamo pensato a cosa potessimo fare ora per aiutare le persone. E dopo un po', abbiamo ricominciato a parlare di altro. Attraverso la consapevolezza, posso arginare il fiume di sopraffazione da sola e rendere positiva una conversazione. 

Cosa dobbiamo tenere a mente quando invece parliamo con i bambini di attualità? 

A seconda dell’età, andrebbero garantite informazioni appropriate. Gli adolescenti hanno i loro telefoni cellulari e computer. Attraverso i social media, a volte ottengono informazioni molto diverse da quelle che noi adulti otteniamo. Anche i miei figli, che hanno 15 e 16 anni, a volte mi riferiscono notizie che mi scioccano davvero. 

Per i giovani di questa età, è importante garantire una guida lungo il loro percorso attraverso il panorama dell'informazione.  

I bambini più piccoli, d'altra parte, ascoltano molte fonti: la TV o la radio sono accese in sottofondo e alcuni di loro hanno già i propri telefoni cellulari. In questo caso, mi piace chiedere ai bambini cosa già sanno. Posso costruire su questo e aiutarli a classificare e comprendere meglio gli eventi.  

È importante che io parli con loro in modo adeguato all'età. Anche con i bambini, le cattive notizie possono trasformarsi in rabbia.

Ma i bambini possono anche diventare ambasciatori di una società migliore. Spetta a noi adulti mostrare loro che è possibile diventare proattivi, invece di arrabbiarsi.

Dobbiamo incoraggiarli ad agire in base ai valori del rispetto, della dignità e della fiducia. Se abbiamo offerto loro buoni valori, sapranno intuitivamente esattamente come comportarsi, anche in situazioni difficili. 

Su questo tema

News

Testimonianze

Pubblicazioni