Entra in vigore il fondo sperimentale per i neomaggiorenni: è solo l'inizio di una grande sfida

Grande soddisfazione da parte di SOS Villaggi dei Bambini: "Importante passo avanti, per garantire un graduale accompagnamento verso l’autonomia dei care leavers"


SOS Villaggi dei Bambini
accoglie con grande entusiasmo l’approvazione del decreto sul Fondo per la lotta alla povertà e all'esclusione sociale, che garantisce interventi, in via sperimentale, in favore di coloro i quali, al compimento della maggiore età, vivono fuori dalla famiglia di origine. Nello specifico, il fondo garantirà 15 milioni di euro per il triennio 2018-2020, accompagnando i ragazzi fino al compimento del ventunesimo anno di età, nell’ottica di prevenire le condizioni di povertà e di permettere di completare il loro percorso di crescita verso l’autonomia.
Ogni anno, nel nostro Paese, sono circa 3.000 i care leaversovvero i giovani che in base alla nostra legislazione, raggiunta la maggiore età non possono più beneficiare della cura, della protezione e della tutela garantite dalla realtà di accoglienza residenziale – costretti, senza avere le necessarie tutele, ad avviarsi verso un percorso di autonomia economica e lavorativa. Proprio per questo SOS Villaggi dei Bambini si impegna costantemente nell’accompagnare i giovani in uscita da percorsi di accoglienza nei Villaggi SOS, attraverso progetti socio-educativi personalizzati, finalizzati all’inserimento sociale e lavorativo.
Accogliamo con grande soddisfazione l’attuazione del decreto che garantirà ai giovani in uscita dai percorsi di accoglienza di accedere, in via sperimentale, ad un fondo che li aiuterà nel loro cammino verso l’autonomia. - ha affermato Samantha Tedesco, responsabile Programmi e Advocacy di SOS Villaggi dei BambiniSOS Villaggi dei Bambini è da anni in prima linea per la tutela e i diritti dei tanti care leavers italiani ed ha partecipato, insieme ai ragazzi e con le altre realtà del Comitato Neomaggiorenni*, affinché potesse essere finalmente stabilito un fondo per il sostegno di questi ragazzi. Ora, dopo questo importante passo avanti, ci auguriamo che l’adesione delle Regioni sia ampia e che questa sperimentazione confermi la necessità di far diventare il fondo permanente”.
I ragazzi che crescono in accoglienza, infatti, sono particolarmente a rischio di povertà ed esclusione sociale, a causa della mancanza di relazioni familiari stabili e di una rete di contatti sulla quale fare affidamento. Per questo motivo è fondamentale il sostegno da parte delle Istituzioni nonché una cultura diffusa tra realtà di accoglienza, servizi sociali, scuola e società perché questi ragazzi non vengano abbandonati a loro stessi al compimento del diciottesimo anno di età.
Il fondo sarà ripartito tra le varie regioni italiane in base alla distribuzione sul territorio dei minorenni collocati fuori famiglia di origine, in affidamento familiare o accolti nei servizi residenziali per minorenni e le Regioni d’intesa con il Ministero, individueranno gli ambiti delle sperimentazioni.
 
*Il comitato è composto da: Agevolando, CNCA, Cismai, Domus de Luna, Terra dei piccoli onlus, Progetto famiglia onlus
 
Tutte le news