Il dramma dei bambini Rohingya prosegue in Bangladesh

"I campi profughi si trovano in una regione molto povera del Paese: una situazione che mette a serio rischio l'incolumità dei bambini rifugiati e di quelli originari della zona" commenta il direttore di SOS Children's Villages Bangladesh


Secondo l'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati oltre 900.000 profughi Rohingya provenienti da Myanmar vivono nel distretto di Bazaar del Bangladesh. Circa 740.000 sono arrivati ​​da agosto 2017. Il 55% dei rifugiati Rohingya in Bangladesh ha meno di 18 anni, secondo l'UNHCR.

Si tratta di un grande numero di persone arrivate in poco tempo in un territorio già martoriato da povertà e scarsità di risorse come il Bangladesh; una situazione sempre più difficile da gestire e che pesa gravemente sulle popolazioni locali che si sentono abbandonate dalle autorità. In questo scenario si delinea l'incerto futuro di decine di migliaia di bambini Rohingya, in fuga da violenze e persecuzioni, spesso rimasti soli e a rischio di finire vittime di tratta o dei trafficanti di droga.

Da marzo 2018, SOS Children's Villages Bangladesh ha aperto 5 spazi a misura di bambino nel distretto di Cox's Bazar, una delle destinazioni principali per i circa 900.000 Rohingya che hanno lasciato il Myanmar per sfuggire a violenza e persecuzion, per aiutare i bambini Rohingya in uno dei numerosi campi profughi che si trovano in questo territorio. Gli spazi per l'infanzia presso Cox's Bazar offrono attività ricreative e istruzione per almeno 350 bambini rifugiati dai 3 ai 12 anni. Gli altri interventi di SOS Children's Villages Bangladesh nella zona di Cox's Bazar sono: fornire supporto nutrizionale ai bambini; garantire lo screening nutrizionale e l'igiene dei bambini; offrire supporto psicologico, assistenza sanitaria di base e cure mediche specialistiche; dare assistenza e formazione ai genitori rifugiati. 

 

Per il 2019 l’obiettivo di SOS Children’s Villages è l’ampliamento del programma di emergenza offrendo sostegno nutrizionale, educativo e igienico per 400 bambini nelle comunità ospitanti, e sostegno a 600 genitori per migliorare le loro condizioni di vita.

Ghulam Ishaque, direttore nazionale di SOS Children's Villages Bangladesh, in questa intervista parla della crescente necessità di aiuto per le famiglie Rohingya e di sostenere le comunità ospitanti nel distretto meridionale di Cox's Bazar.
 

Quali sono i principali rischi per i bambini in questa situazione?

 

Siamo molto preoccupati per la sicurezza dei bambini. Cox's Bazar è un'area nota per traffico di esseri umani ed è una delle vie principali per il traffico di droga. Trafficanti e criminali rapiscono i bambini, siano essi locali o rifugiati. La situazione educativa nelle comunità locali è un'altra preoccupazione: le difficili circostanze economiche costringono molte famiglie a mandare i loro ragazzi a trovare lavoro per aiutare la famiglia a sbarcare il lunario. Allo stesso tempo, le ragazze vengono costrette a stare a casa pechè per loro è troppo pericoloso avventurarsi da sole. Quando i bambini lasciano la scuola questo ha ovviamente un impatto molto negativo sul loro futuro e sul benessere delle loro comunità.

 

 

Cosa puoi fare per aiutare i bambini nelle comunità ospitanti? Anche loro provati da questa situazione ormai al collasso.

 

Lavoreremo con bambini che frequentano la scuola primaria nel distretto di Bazar di Cox, dove molti bambini provengono da situazioni estremamente vulnerabili. Poiché i loro genitori non hanno i mezzi per soddisfare tutte le loro esigenze, forniremo supporto anche per quanto riguarda nutrizione, salute e igiene.

Ci sono programmi mirati ad affrontare casi di malnutrizione acuta grave, ma vogliamo andare oltre fornendo un pasto cucinato ai bambini mentre sono a scuola.

I bambini riceveranno kit per l'igiene che contengono basi come spazzolini da denti, dentifricio, sapone e altri articoli per l'igiene personale. Lavoreremo anche con i partner per garantire che i bambini abbiano accesso all'assistenza sanitaria.

 

Hai visto dei miglioramenti nelle condizioni di vita dei bambini che vivono negli insediamenti di rifugiati nell'ultimo anno?

 

La situazione continua ad essere difficile. Molti rifugiati hanno espresso ansia per il loro futuro. Vogliono tornare in Myanmar, ma non accetteranno di farlo fino a quando non verranno affrontate le questioni di cittadinanza, diritti legali, accesso ai servizi, giustizia e restituzione.

 

Vediamo un piccolo miglioramento delle condizioni negli insediamenti dei rifugiati. Sono esposti alle inondazioni durante la stagione dei monsoni e dei cicloni, mentre i servizi pubblici di base come acqua e servizi igienico-sanitari non sono adeguati per una popolazione di rifugiati così numerosa. Molti rifugiati sono scoraggiati perché le opportunità di istruzione e lavoro sono molto limitate.

 

 

Quali sono i principali successi dall'inizio del programma di emergenza di SOS Children's Villages?

 

Un risultato importante è che siamo stati in grado di fornire un ambiente sicuro e protetto per centinaia di bambini ogni giorno. Inoltre, abbiamo sostenuto lo sviluppo di comitati attivi di protezione dell'infanzia che ci aiutano a monitorare e ad affrontare i rischi. Questi bambini hanno bisogni urgenti che devono essere affrontati e i loro diritti fondamentali  devono essere protetti. La cura e il sostegno che possiamo fornire oggi significa che i bambini e i loro cari, siano essi bengalesi o rifugiati, hanno la possibilità di un futuro migliore e più luminoso.
 


 

Tutte le news