SOS Villaggi dei Bambini presenta l’evento #dirittichevorrei

Per celebrare la ratifica della convenzione ONU sui diritti dell’infanzia


La più grande organizzazione a livello mondiale impegnata nel sostegno di bambini privi di cure familiari o a rischio di perderle ha ricordato il 24 maggio la ratifica della Convenzione Onu sui Diritti dell’Infanzia con l’evento #dirittichevorrei. Un flash mob divertente e coinvolgente, organizzato SOS Villaggi dei Bambini, a cui hanno partecipato oltre 100 bambini tra Roma, Milano, Morosolo, Vicenza, Ostuni, Saronno e Crotone, per sottolineare ad istituzioni e opinione pubblica l’importanza della partecipazione quale diritto fondamentale per contare nelle scelte e nelle decisioni che riguardano la loro stessa vita.

25 sagome di bambini con adulti, in una piazza del centro di Roma, rappresentanti scene di vita quotidiana e colorate insieme a tante persone tra cui 50 bambini e insegnanti della scuola primaria “Istituto Comprensivo Parco degli Acquedotti", hanno dato il via ad una giornata di festa con l’evento #dirittichevorrei. Un evento organizzato e promosso da SOS Villaggi dei Bambini, con il patrocinio del Municipio Roma I Centro, in occasione della celebrazione della ratifica della Convenzione Onu sui Diritti dell’Infanzia (27 maggio), per accendere i riflettori sulla partecipazione di bambini e ragazzi nelle scelte e nelle decisioni che li riguardano e lanciare un importante messaggio: “Nessun Bambino nasce per crescere da solo”.
Un’ola di colori che parte da Roma e che ha coinvolto anche i bambini e i Minori Stranieri Non Accompagnati sostenuti e accolti nei Villaggi e i Programmi SOS in tutta Italia: da Crotone a Morosolo fino ad Ostuni, Roma, Saronno e Vicenza.

Correre, giocare, esplorare e scoprire. Sono le tappe della vita di ogni bambino, ma per 1,3 milioni di bambini che vivono in condizioni di povertà e 91.000 minorenni vittime di maltrattamenti nel nostro Paese non è così. Sono oltre 26.000 i bambini e ragazzi accolti fuori dalla propria famiglia di origine e ogni anno, nel nostro Paese, sono circa 3.000 i care leaversovvero i giovani che in base alla nostra legislazione, raggiunta la maggiore età non possono più beneficiare della cura, della protezione e della tutela garantite dalla realtà di accoglienza residenziale.

L’evento #dirittichevorrei è stata l’occasione per ribadire l’impegno di SOS Villaggi dei Bambini al fianco di bambini e ragazzi privi di cure familiari o a rischio di perderle, permettendo loro di crescere con il sostegno necessario per affrontare le tante sfide che gli si presentano durante tutte le fasi della propria vita, fino a diventare adulti indipendenti e autonomi. #dirittichevorrei mira a sensibilizzare Istituzioni e opinione pubblica sull’integrale applicazione della Convenzione Onu sui Diritti dell’Infanzia, a cui l’Italia ha aderito il 27 maggio 1991, che ha proprio l‘obiettivo di riconoscere i bambini e i ragazzi prima di tutto come persone con proprie competenze e opinioni. Oltre a questo principio la Convenzione si fonda sul principio di non discriminazione, su quello di superiore interesse e di diritto alla vita.

“Siamo orgogliosi e felici di poter celebrare questa giornata di festa insieme a così tanta gente e in mezzo a tanti bambini” – ha dichiarato Roberta Capella, Direttore Generale di SOS Villaggi dei Bambini - “Una giornata che vuole ricordare ad istituzioni, opinione pubblica, operatori del settore ed educatori che ogni bambino e ragazzo deve essere in grado di potersi esprimere liberamente ed essere ascoltato. SOS Villaggi dei Bambini si impegna quotidianamente per garantire la partecipazione attiva di bambini e ragazzi in ogni fase del processo decisionale della propria vita, affinché ogni giovane abbia la sua opportunità per diventare un adulto indipendente e autonomo”.
 
Per rivivere l’emozione del flashmob in Piazza Caprarica a Roma clicca qui https://www.sositalia.it/dirittichevorrei-live
 
Tutte le news