Dona una parola

Un dizionario pratico e utile per diffondere consapevolezza sull’adozione a distanza. Su sositalia.it trovi informazioni e consigli per un’adozione a distanza sicura.

Dona una parola a SOS Villaggi dei Bambini - Il dizionario sull'adozione a distanza
Italia, Paese generoso. I dati parlano chiaro: le adozioni a distanza si mantengono su buoni livelli, come riportano Nostrofiglio.it e Uncome. Naturalmente, in rete il dialogo su un tema così delicato è molto acceso, diversi gli approcci e le singole esperienze infinite. Leggendo le testimonianze di diversi blog, ci siamo accorti che le opinioni divergono, ma vi sono termini comuni.
 
Abbiamo deciso di creare un dizionario della solidarietà, cuore e anima del sostegno a distanza, affinché diventi un riferimento per tutti.
 
SOSTEGNO - Il sostegno a distanza è un supporto generico a progetti di sviluppo che coinvolgono i bambini e la loro comunità. Anche per questo motivo Spazio Mamma ricorda che è più corretto il termine sostegno a distanza (SAD). La donazione, in questo caso, è a beneficio del bambino e di tutta la sua comunità all’interno di un percorso di sviluppo.
 
ADOZIONE - L’adozione a distanza di SOS Villaggi dei Bambini aiuta un bambino privo delle cure di una famiglia o a rischio di perderle, a crescere nel calore e nella sicurezza, grazie alle cure e all’amore di una Mamma SOS, e di fratelli con cui condividere spazi e tempo. Il bambino adottato a distanza è il diretto beneficiario, insieme alla grande famiglia SOS che lo accoglie, delle donazioni mensili, necessarie per garantirgli cure mediche, cibo e una buona istruzione. In questo modo, il bambino potrà diventare adulto e indipendente.
 
MONDO - Come riporta la maggior parte delle fonti online, tra cui  PassioneMamma.it, le associazioni no profit operano principalmente in Africa, India, America Latina, Asia, ma anche Europa. SOS Villaggi dei Bambini lavora in 134 Paesi del mondo, Italia compresa attraverso l’adozione a distanza e programmi di accoglienza e sostegno alle famiglie in difficoltà.
 
SIRIA - Anche sui nuovi fronti di guerra, le associazioni italiane si contraddistinguono per la loro tempestività. Il giornale online  GoFasano sottolinea l’impegno di SOS Villaggi dei Bambini sul  fronte siriano.
 
CAFFÈ - L’adozione a distanza è una spesa davvero ridotta: è pari al costo di un caffè al giorno! La spesa varia tra 15 e 30 euro mensili, secondo il progetto e l’adozione scelta, come conferma l’autrice Ma la notte no!. Con 28 euro al mese aiuti un bambino accolto all’interno di un Villaggio SOS a vivere un’infanzia felice.
 
NECESSITÀ - L’articolo 1 della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea definisce la vita umana un diritto inviolabile, da rispettare e tutelare. DonnaPlanet spiega con un interessante articolo che l’adozione a distanza è volta a garantire cure mediche, cibo, vestiti e istruzione.
 
RELAZIONE -  Un bambino, una famiglia o una comunità. L’impegno di chi sostiene a distanza può avvenire su diversi fronti ma, come sottolinea DonnaD, deve essere costante e sempre attento.
 
ACCOGLIENZA - Nei Villaggi SOS si ricrea un’atmosfera famigliare e accogliente. Il  \ è un luogo in cui crescere in armonia grazie all’affetto della Mamma SOS, educatrice competente e coinvolta, e di fratelli e sorelle. Sempre in un clima di rispetto e solidarietà.
 
FIDUCIA -  Ricevere foto, disegni, messaggi personalizzati e dati sulla raccolta fondi sono il  segno  tangibile  di  un’adozione  a  distanza  sicura.  Guida  Genitori  suggerisce  di  prestare  particolare attenzione alla frequenza degli aggiornamenti indicata sul contratto. SOS Villaggi dei Bambini invia annualmente una foto del bambino e, due volte all’anno, un report sui suoi progressi. Non solo. È possibile scrivere al bambino, visitare personalmente il Villaggio SOS in cui vive e conoscere così il bambino e le persone che si prendono cura di lui.
 
VALORI - La Carta dei Principi stilata dall’Osservatorio SAD, ente istituito per la regolamentazione del settore, racchiude le linee guida per il sostegno a distanza dei minori. Doctissimo consiglia di controllare sempre l’adesione dell’associazione che avete scelto. SOS Villaggi dei Bambini è iscritta al registro nazionale SAD, al Registro delle Associazioni e degli Enti che svolgono attività a favore degli Immigrati, ai Gruppi CRC, Pidida e Agire.
 
IMPEGNO - Il sostegno a distanza è anche e soprattutto impegno umano, che fa conoscere realtà lontane e differenti dalla nostra quotidianità. Una Donna supporta il sostegno a distanza come occasione per allargare i propri orizzonti.
 
AFFETTO -  Nel mondo della solidarietà, le distanze sono solo spaziali. Andare oltre al puro aiuto economico e creare un legame con chi si sostiene, come incoraggia Pop Off, è qualcosa di veramente speciale.
 
 
SOS Villaggi dei Bambini è l’unica associazione al mondo che accoglie in un contesto familiare oltre 80.000 bambini privi di cure o a rischio di perderle. Un futuro sereno ed equilibrato nasce da un presente di serenità. Nei Villaggi SOS garantiamo cibo, istruzione e cure mediche, ma soprattutto l’amore di una famiglia anche a chi è stato abbandonato o è vittima di maltrattamenti.
 
Scegli l’adozione a distanza: chi sperimenta la pace oggi sarà in grado di promuoverla domani.
 
 
 
 
 
 
  • Testimonianze da Aleppo

    Testimonianze da Aleppo: la storia di Salma

    23.12.2016 - "I miei figli hanno visto cose che nessun bambino dovrebbe mai trovarsi di fronte"- Salma racconta la sua vita, insieme ai tre figli, nella città assediata di Aleppo. Approfondisci
  • cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    20.12.2016 - Un lavoro nelle aziende del territorio per 28 giovani in difficoltà: cameo sostiene il “Progetto AutonoMIA” di SOS Villaggi dei Bambini nei Villaggi di Vicenza, Mantova, Morosolo e Saronno (VA). Scopri di più
  • Aleppo: i desideri dei bambini in guerra.

    20.12.2016 - Abbiamo chiesto a cinque bambini di Aleppo, costretti a fuggire a causa della guerra, di raccontarci come si sentono. approfondisci
  • Da un Villaggio SOS alle Olimpiadi

    20.12.2016 - Mavis Chirandu è cresciuta in una Famiglia SOS a Bindura, nello Zimbabwe, è andata in Agosto a Rio de Janeiro per la nazionale femminile di Calcio dello Zimbabwe. Leggi la sua storia
  • Ci sono cose che da soli non si possono affrontare

    20.12.2016 - A dicembre abbiamo lanciato la campagna di raccolta fondi digital “Ci sono cose che da soli non si possono affrontare”, con l’obiettivo di sostenere il nostro lavoro in Italia. approfondisci
  • Fratelli e sorelle insieme

    20.12.2016 - Le parole di Lucia, accolta nel Villaggio SOS di Ostuni e oggi mamma di due bambini. approfondisci
  • Il tuo voto per SOS Villaggi dei Bambini vale un’area gioco per bambini

    20.12.2016 - Vota il progetto “Italy: Building a children play area”: per realizzare un’area gioco per bambini di SOS Villaggi dei Bambini Italia! approfondisci
  • Storie di accoglienza del centro per rifugiati di Principovac

    Storie di accoglienza nel centro per rifugiati di Principovac

    06.12.2016 - Il centro di accoglienza per rifugiati di Principovac si trova in un ex ospedale pediatrico al confine fra Serbia e Croazia, a 100 metri dalla frontiera. Il villaggio serbo più vicino è a 10 km di distanza, a un'ora di cammino. approfondisci
  • Roberta Capella

    Roberta Capella è il nuovo direttore di SOS Villaggi dei Bambini

    29.11.2016 - SOS Villaggi dei Bambini Italia nomina Roberta Capella nuovo Direttore. “Crescita, diversificazione dei programmi e dei servizi senza rinunciare alla nostra unicità: la qualità.” approfondisci
  • Katalin Berend presta servizio volontario come pediatra.

    Essere umani è la cura migliore

    28.11.2016 - Da quando è in pensione, la pediatra 71-enne Katalin Berend presta servizio nel campo rifugiati di Bicske, in Ungheria, a fianco di SOS Villaggi dei Bambini. Ecco la sua testimonianza. approfondisci