L’uragano Matthew danneggia il Villaggio e la scuola SOS di Haiti

Ora dobbiamo pensare alle famiglie e ai bambini colpiti dall’emergenza

Milano 6 ottobre 2016 – Matthew è la peggior tempesta tropicale che si sia abbattuta su Haiti in decenni. Il rischio è la catastrofe a causa delle condizioni disastrose in cui vive la popolazione a sei anni dal terremoto che fece oltre 200 mila vittime.
I venti a oltre 200 chilometri l'ora hanno spazzato via centinaia di case, le piogge hanno causato diverse inondazioni. Una ventina sono le vittime ed è impossibile calcolare il numero delle persone senza un tetto. Il pericolo maggiore ora sono le epidemie a causa delle acque contaminate.

I bambini e i collaboratori del Villaggio SOS di Les Cayes stanno fortunatamente bene ma abbiamo subito molti danni nella scuola SOS Hermann Gmeiner e in alcune case del nostro Villaggio. Le comunicazioni sono difficili, manca l’elettricità - raccontano i colleghi di Haiti – Il nostro staff sta valutando, in queste ore, la situazione per preparare la risposta all’emergenza. L'uragano è stato devastante per le comunità vulnerabili nelle aree colpite. Ci sono segnalazioni di allagamenti diffusi, danni alle infrastrutture e bestiame. Molte case sono state distrutte, i tetti danneggiati e migliaia di persone non hanno ora accesso a cibo, acqua, servizi igienici ed elettricità. Aeroporti e scuole sono chiusi. Daremo sostegno alle famiglie vittime dell’uragano e ai bambini. Temiamo ora le epidemie per l’acqua contaminata”.

SOS Villaggi dei Bambini inizia le attività per aiutare i bambini ad Haiti nel 1978.  Un anno dopo sorge il Villaggio SOS di Santo che accoglie 180 bambini. Nello stesso anno, nasce la Hermann Gmeiner Scuola di Santo che oggi regala istruzione a 1300 bambini. Nel 1989 cominciano le attività a Cap Haitien. Nel 2012 viene sostenuta la costruzione di una scuola comunità per 490 studenti. E’ terminata la costruzione del Villaggio SOS di Les Cayes. Oggi ci sono 3 Villaggi SOS nel paese che accolgono oltre 500 bambini. A Port-au-Prince, 26 centri sociali SOS stanno sostenendo tra i 2.300 e i 3.000 bambini. 800 bambini a Cap Haitien sono aiutati dai centri comunitari dei Villaggi SOS. Prima, durante e dopo il terremoto, SOS Villaggi dei Bambini ha risposto alla catastrofe attraverso squadre e programmi di emergenza. Il Villaggio SOS di Santo ha accolto 400 bambini non accompagnati. Lo staff di SOS Villaggi dei Bambini ha gestito il processo di riunificazione con le famiglie biologiche. Nei mesi successivi al disastro, sono stati forniti pasti a 24.000 bambini, ogni giorno, attraverso punti di distribuzione cibo. Sono più di 21 mila le persone sostenute dai nostri programmi. 

Per rispondere a questa emergenza abbiamo bisogno anche del tuo aiuto! Dona ora per aiutare i bambini e le famiglie di Haiti

  • Le parole di Giovanni Odorizzi

    La testimonianza del Direttore del Villaggio SOS di Trento

    08.02.2017 - Cosa significa per un bambino crescere senza contare sulla propria famiglia? Capiamolo attraverso le parole di Giovanni Odorizzi, direttore del Villaggio di Trento. Scopri di più
  • La storia di Alfrido al Villaggio SOS di Ostuni

    La storia di Alfrido nel Villaggio SOS di Ostuni

    08.02.2017 - Alfrido si è trovato solo in Italia, all'età di 12 anni. Nel Villaggio SOS di Ostuni ha trovato un luogo da chiamare casa. Scopri di più
  • Lucia Miceli al Tg2

    La testimonianza di Lucia Miceli ai microfoni del Tg2

    08.02.2017 - Lucia è arrivata al Villaggio SOS di Ostuni perché aveva perso la mamma e suo padre non poteva occuparsi di lei e dei suoi fratellini. Ecco la sua storia. Scopri di più
  • Nessun Bambino Solo

    Parte la campagna Nessun Bambino Solo

    30.01.2017 - Per sostenere questa importante iniziativa, dal 29 gennaio al 11 febbraio, è possibile donare con un SMS o chiamata da rete fissa al 45522. Scopri di più
  • Testimonianze da Aleppo

    Testimonianze da Aleppo: la storia di Salma

    23.12.2016 - "I miei figli hanno visto cose che nessun bambino dovrebbe mai trovarsi di fronte"- Salma racconta la sua vita, insieme ai tre figli, nella città assediata di Aleppo. Approfondisci
  • cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    cameo e SOS Villaggi dei Bambini per il progetto AutonoMia

    20.12.2016 - Un lavoro nelle aziende del territorio per 28 giovani in difficoltà: cameo sostiene il “Progetto AutonoMIA” di SOS Villaggi dei Bambini nei Villaggi di Vicenza, Mantova, Morosolo e Saronno (VA). Scopri di più
  • Aleppo: i desideri dei bambini in guerra.

    20.12.2016 - Abbiamo chiesto a cinque bambini di Aleppo, costretti a fuggire a causa della guerra, di raccontarci come si sentono. approfondisci
  • Da un Villaggio SOS alle Olimpiadi

    20.12.2016 - Mavis Chirandu è cresciuta in una Famiglia SOS a Bindura, nello Zimbabwe, è andata in Agosto a Rio de Janeiro per la nazionale femminile di Calcio dello Zimbabwe. Leggi la sua storia
  • Ci sono cose che da soli non si possono affrontare

    20.12.2016 - A dicembre abbiamo lanciato la campagna di raccolta fondi digital “Ci sono cose che da soli non si possono affrontare”, con l’obiettivo di sostenere il nostro lavoro in Italia. approfondisci
  • Fratelli e sorelle insieme

    20.12.2016 - Le parole di Lucia, accolta nel Villaggio SOS di Ostuni e oggi mamma di due bambini. approfondisci