SOS Villaggi dei Bambini in Costa Rica

Informazioni sul Paese

 

Having fun outside, SOS Children's Village Limón - photo: Miguel Rivera
Having fun outside, SOS Children's Village Limón - photo: Miguel Rivera

Capitale: San Josè 
Area: 51.100 kmq 
Popolazione: 4 milioni 
Etnie: discendenti spagnoli 96%, discendenti africani 2%, indigeni 1% 
Lingua ufficiale: Spagnolo 
Religioni: Cattolica 95%, Protestante 1% 
Valuta: Colòn

SOS Villaggi dei Bambini si attiva in Costarica nel 1972, grazie all’ iniziativa di Manuela Iglesias, nipote dell'ex Presidente del Costarica, Rafal Iglesias. 

Il primo Villaggio SOS si trova non lontano dalla capitale di San Josè. Hermann Gmeiner ha partecipato alla cerimonia di posa della prima pietra del Villaggio nell'aprile del 1975. 

Col passare degli anni, i servizi SOS si sono ampliati, per esempio con il programma di prevenzione rivolto alle famiglie dei dintorni.
Il programma li aiuta a superare difficoltà e a guadagnarsi autonomamente un futuro migliore. 

Un altro di questi servizi è il college Sant Ana, operativo dal febbraio 2000, che offre un'ottima istruzione agli studenti provenienti da tutta l'America Latina. 

Nel luglio 1996 un tornado colpisce la parte centro-meridionale della Costa Rica, causando pesanti danni ad un terzo del paese. 
La catastrofe colpisce almeno mezzo milione di persone.
n quell'occasione SOS Villaggi dei Bambini attiva immediatamente  un programma di emergenza, che in pochi giorni aiuta 6.000 bambini. 
Squadre di soccorso e autorità sanitarie hanno collaborato per prevenire lo scoppio di un'epidemia.

Il Programma di Emergenza SOS ha contribuito a ricostruire una scuola e ha finanziato il materiale scolastico per 2.500 alunni.

Nel marzo 2005 SOS Villaggi dei Bambini del Costa Rica ha attivato un Programma di Rafforzamento Familiare, per evitare che i bambini vengano abbandonati o sfruttati dalle loro famiglie in difficoltà.

Attualmente in Costa Rica ci sono 4 Villaggi SOS, 1 Casa Dei Giovani SOS, 1 Centro di Formazione Professionale SOS e 2 Centri Sociali SOS.

adotta un bambino a distanza