Mensa Lodi: discriminati minori per motivi inaccettabili

La rete #5BuoneRagioni invita il Comune a ritirare un provvedimento che viola la stessa Convenzione Onu sui diritti dell'infanzia

La rete "#5BuoneRagioni per accogliere i bambini che vanno protetti" - a cui aderiamo insieme a Agevolando, Coordinamento italiano servizi contro il maltrattamento e l'abuso all'infanzia (Cismai), Coordinamento nazionale comunità di accoglienza (Cnca), Coordinamento nazionale comunità per minori (Cncm), Progetto Famiglia - esprime la propria netta contrarietà e il proprio sdegno per la discriminazione a cui sono soggetti i bambini stranieri esclusi, a Lodi, dalla mensa scolastica.

Le ragioni addotte dall'amministrazione comunale risultano pretestuose e, certamente, risolvibili per altra via, come sottolineato dall'Autorità garante dell'Infanzia e dell'adolescenza. A fronte di assai opinabili motivi di carattere burocratico, si attua un provvedimento che costituisce una violazione della stessa convenzione Onu sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza. Una situazione aggravata dal fatto di avvenire a scuola, luogo che dovrebbe essere consacrato al rispetto delle persone umane e dei diritti fondamentali e all'integrazione in una collettività armoniosa e solidale.

La rete #5BuoneRagioni chiede, perciò, all'amministrazione comunale di Lodi di ritirare un provvedimento che colpisce proprio quei principi di umanità e di civiltà giuridica di cui il nostro paese è più fiero.
Tutte le news